Home >Documents >ANTICIPARE FUTURE PROFESSIONI DEL TURISMO DI · PDF file ANTICIPARE FUTURE PROFESSIONI DEL...

ANTICIPARE FUTURE PROFESSIONI DEL TURISMO DI · PDF file ANTICIPARE FUTURE PROFESSIONI DEL...

Date post:18-Oct-2020
Category:
View:4 times
Download:0 times
Share this document with a friend
Transcript:
  • ANTICIPARE FUTURE PROFESSIONI DEL TURISMO DI MONTAGNA

  • ANTICIPARE FUTURE PROFESSIONI

    DEL TURISMO DI MONTAGNA

    Un progetto pilota sulla didattica orientata al futuro

    per le scuole secondarie di secondo grado

    Report a cura di Rocco Scolozzi e Silvano Serpagli

    Con il contributo di Francesco Brunori, Daniela Simoncelli,

    Giovanni Scalfi e Claudio Nicolussi

  • INDICE 5

    Testi Rocco Scolozzi e Silvano Serpagli Impaginazione Paolo Micheli Redazione Enza Bove

    Immagine di copertina: www.pixabay.com

    © 2017 Reverdito Editore - 38121 Trento I

    Prima edizione: novembre 2017 Servizio Clienti Reverdito: [email protected]

    Tutti i diritti riservati

    Un progetto in rete tra istituti scolastici e realtà di territorio Anno scolastico 2016-17

    Con gli Istituti scolastici Don Milani di Rovereto, Ivo De Carneri di Civezzano, UPT di Tione

    Un progetto ideato da -skopìa srl., startup dell’Università di Trento in collaborazione con AUREOO

    Con il finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto

    IndIce

    Prefazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7

    introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9

    Le Premesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11

    Il futuro a scuola: una sfida educativa . . . . . . . . . . . . . . . . . 11

    Esercizi di futuro a scuola: tra futuri personali e futuri condivisi . . . . 13

    Metodi: dai futures studies alla classe . . . . . . . . . . . . . . . . 16

    Analisi Steep: i fattori di cambiamento . . . . . . . . . . . . . . . . . 19

    Intervista strategica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20

    Costruzione di scenari strategici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21

    iL Progetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25

    La questione di partenza: future professioni o futuri disoccupati . . . . 25

    I temi e gli obiettivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26

    I destinatari e protagonisti: studenti, docenti e partner territoriali . . . 27 Mappe cross-mediali (Aureoo): come strumento di creazione collaborativa di conoscenza e significato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32

    Le taPPe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33

    Fase 1: La riflessione sul futuro personale . . . . . . . . . . . . . . 33

    Esercizio: Fasi della vita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35

    Esercizio: Ambiti personali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37

    Fase 2: Osservazione delle dinamiche . . . . . . . . . . . . . . . . . 38

  • 6 INDICE PREFAZIONE 7

    PrefazIone

    Siamo all’interno di una fase di grandi cambiamenti: tecnologici, cul- turali, sociali . Tutti questi cambiamenti avvengono in contemporanea e generano una situazione di incertezza e disorientamento . Oggi come non mai è fondamentale imparare a guardare avanti per cercare di capi- re i grandi trend del periodo e scegliere la propria posizione .

    Così come cambia tutto il resto, anche la scuola dovrà cambiare . I lavori di domani saranno diversi dai lavori di oggi e sarà necessario pre- pararsi alle novità .

    I diversi cambiamenti richiedono coraggio, visione e capacità di spe- rimentare nuovi percorsi formativi . Proprio per questa ragione, il primo passo da compiere è quello di acquisire alcune competenze di futuro in- cominciando a parlarne, a discuterne apertamente, ad articolare i pos- sibili futuri in arrivo . Si tratta di imparare a distinguere i futuri autentici da quelli inautentici . I futuri di cui a volte si parla sono quasi sempre semplici proiezioni del presente, si basano su ciò che già vediamo at- torno a noi e lo ingigantiscono – le stesse tecnologie, solo un po’ più mature; gli stessi prodotti, ma con più gadget; gli stessi problemi, un po’ peggiori . Il minimo che si possa dire è che si tratta di futuri inautentici: qualunque cosa sarà il futuro, sarà molto diverso da ciò che già vediamo attorno a noi .

    La situazione però forse più diffusa è quella dell’incapacità di svi- luppare un discorso approfondito sul futuro, della difficoltà di vedere e articolare i futuri possibili verso cui stiamo andando . Così, il coraggio di tenere gli occhi aperti sul futuro diminuisce e viene spesso sostitui- to da disorientamento e sfiducia, seguito dal rinchiudersi entro circoli sempre più stretti . La capacità di aspirare è un fenomeno che coinvolge molti di noi e per questo non è solo un fenomeno individuale .

    Un possibile antidoto a ciò, nella scuola, è la capacità di valorizzare i talenti, le differenze, ovvero la fantasia, la creatività, il coraggio di fare cose diverse in modi diversi . Le soluzioni uniformi potevano servire in

    Fase 3: Definizione di scenari: turismo di montagna nel 2030 . . . . . 49

    Variabili chiave per il 2030 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50

    Scenari strategici: “2030, una giornata da turista” . . . . . . . . . . . . 53 Scenario: ridotto benessere economico – debole interazione tecnologica . 53 Scenario: sostanziosi incentivi economici – forte interazione tecnologica . 54 Scenario: sicurezza e stabilità crescente – forte interazione tecnologica . 55

    Super-scenari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57 Presentazioni: una video-conferenza coordinata tra le sedi e una conferenza a Trento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60

    VaLutazioni deL Progetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63

    L’esperienza: le impressioni dei partecipanti . . . . . . . . . . . . . 63

    L’influenza sui modi di pensare al futuro . . . . . . . . . . . . . . . 66

    Commenti suI contenuti delle ricerche . . . . . . . . . . . . . . . . . 70

    Prospettive di sviluppo e replica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71

    riferimenti BiBLiografici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73

  • 8 PREFAZIONE INTRODUZIONE 9

    IntrodUzIone

    L’istituto di istruzione don Milani ha deciso di coinvolgere nel pro- getto, rendendolo parte integrante delle attività di alternanza scuola- lavoro, tutti gli studenti delle classi quarte dell’indirizzo tecnico econo- mico – turismo, con l’obiettivo di offrire loro nuove occasioni e modalità per approfondire la conoscenza del contesto turistico locale . Il percorso ha aiutato gli studenti a riflettere su loro stessi e sul loro futuro e nello stesso tempo ha permesso loro di individuare, anche attraverso il con- fronto diretto con alcuni operatori, delle chiavi di lettura della realtà e del contesto socio economico che li vedrà a breve protagonisti attivi e sicuramente più consapevoli delle sue criticità e delle sue potenzialità di crescita e sviluppo .

    Daniela Simoncelli Dirigente I.I.S don Milani

    Il progetto coordinato da -skopìa ha un merito che, tra i molti, si è rivelato prezioso per le ragazze ed i ragazzi coinvolti: esso ha infatti pro- posto punti di vista, prospettive e chiavi di lettura originali, innovative e sperimentali, caratteristiche che non appartengono alla scuola di oggi, ma che siamo tenuti a sperare che caratterizzeranno quella di domani . L’innovazione non è un vezzo, sperimentare non significa cancellare la tradizione, anticipare il futuro è un dovere per un motivo molto sempli- ce: la qualità formativa ed educativa di un sistema scolastico si determi- na sul contributo che riesce a dare al progetto di vita dello studente e la si misura non attraverso una verifica, un’interrogazione o un esame, bensì sulla storia personale che ciascuno dei nostri allievi riuscirà a co- struire .

    I ricercatori hanno proposto un percorso fondato sull’indagine mul- tidisciplinare costruita a partire da informazioni e dati oggettivi arric- chiti dall’esplorazione del presente e della realtà che li circonda, ma anche incoraggiandoli ad essere coraggiosi visionari, con i piedi, anzi

    precedenti fasi storiche. Rispetto all’attuale complessità e diversifica- zione delle realtà sociali, riuscire a valorizzare i talenti, cioè le differen- ze, è una strategia più utile e produttiva di quella che punta a imporre soluzioni uniformi . Questi ragionamenti assegnano alla scuo

Click here to load reader

Reader Image
Embed Size (px)
Recommended