Home > Documents > CSI Insieme 01-09

CSI Insieme 01-09

Date post: 10-Mar-2016
Category:
Author: csi-vallecamonica
View: 233 times
Download: 7 times
Share this document with a friend
Description:
Il Natale degli sportivi 2008 a Darfo - Arbitri regionali in formazione a Boario - Sci: buona la prima per lo Sci Cai Edolo - La festa della Polisportiva Disabili Valcamonica
Embed Size (px)
of 18 /18
Transcript
  • Scoprilo pressotutte le filiali dellaBanca di Valle Camonica

    A noi giovani,da 15 a 25 anni,Banca di Valle Camonicariserva un serviziocompletamente gratis,e questo niente,se siamo concretamenteinteressati c unabellissima sorpresaper noi... imperdibile,anche perch non durerper sempre.

    Hei,hai sentito?

  • 6 G E N N A I O 2 0 0 9

    1

    Il CSI di Vallecamonica ha celebrato a Darfo il Natale degli sportivi 2008

    Che non si spenga maila speranza nei nostri cuori

    Quanti siamo, tanti, pochi? I soli-ti, no ma c qualche faccia nuo-va! Alla fine tutti concordi per

    nella scarsa o nulla importanza dei numeri in questo Natale degli sportivi che il CSI di Vallecamonica ha orga-nizzato a Darfo in collaborazione con il Gruppo Sportivo Oratorio Darfo. Di importanti nel pomeriggio trascorso nella cittadina darfense i contenuti di questo viaggio in quattro tappe det-tato da don Battista Dassa, consu-lente ecclesiastico del CSI camuno e vera e propria anima di questa ini-ziativa. Primo passo della festa post natalizia del CSI il ritrovo nel piazza-le della Chiesa S. Maria di Darfo; un pomeriggio dal freddo pungente che inizia ad imbrunire accoglie un centi-naio di persone vicine alla nostra as-sociazione pronte a partecipare alla Santa Messa celebrata da don Bat-tista. Nella chiesa darfense la prima parte del Natale degli sportivi 2008 dedicata al ringraziamento; un grazie a Dio per lispirazione cristiana che caratterizza limpegno di atleti, diri-genti e allenatori del CSI. Una gior-nata che la chiesa dedica alla fami-glia di Nazareth e che, con facilit, il consulente ecclesiastico avvicina alla grande famiglia del CSI. La Messa anche occasione per iniziare a ri-flettere su alcuni valori fondamenta-li, il primo proposto da don Battista quello della pace ma anche della presenza costante di Dio al fianco degli operatori del CSI. Di color vio-letto la settima pagina, un colore tra il rosso ed il turchino tra lindaco e larancio, perch la pace festa di

    colori, gioco di luce, comunione di valori, perch la pace Dio. Chiu-de il libro la donna e tra le dita si ri-trova un bimbo di colori, fiorisce fra le sue mani la pace vera, perch lEmmanuele, il Dio con noi. Al ter-mine della partecipata celebrazione eucaristica ora di mettersi in cam-mino per affrontare il tour degli ora-tori di Darfo seguendo il filo tessu-to dalla storia delle quattro candele. Quattro il numero magico di que-sto pomeriggio di festa, quattro sono le parti della manifestazione, quattro sono le tappe della fiaccolata e quat-tro gli oratori coinvolti nelliniziativa. Cammino e luce per gli atleti e gli ani-matori del CSI con la fiaccolata per le strade della cittadina organizzata per dare visibilit, in maniera simbo-

  • 2Le quattro candeleLe quattro candele bruciano, si consumano lentamente. Il luogo era tal-mente silenzioso, che si poteva ascoltare la loro conversazioneLa prima diceva: Io sono la pace ma gli uomini non riescono a mantenermi: penso pro-prio che non mi resti altro che spegnermi!.Cos fu, e a poco a poco, la candela si lasci spegnere completamente.La seconda diceva:Io sono la fede purtroppo non servo a nulla. Gli uomini non ne vogliono sapere di me, e per questo motivo non ha senso che io resti accesa.Appena ebbe terminato di parlare, una leggera brezza soffi su di lei e la spense.Triste, triste, la terza candela, sua volta disse:Io sono lamore, non ho la forza per continuare a rimanere accesa. Gli uomini non mi considerano e non comprendono la mia importanza. Essi odiano coloro che pi li amano, i loro familiari.E senza attendere oltre la candela si lasci spegnere.Inaspettatamente un bambino in quel momento entr nella stanza e vide le tre candele spente. Impaurito per la semioscurit disse: Ma cosa fate! Voi dovete rimanere accese, io ho paura del buio!. E cos dicendo scop-pi in lacrime.Allora la quarta candela impietositasi disse:Non temere, non piangere: finch io sar accesa, potremo sempre ri-accendere le altre tre candele: io sono la speranza. Con gli occhi luci-di e gonfi di lacrime il bimbo prese la candela della speranza e riacce-se tutte le altre.Che non si spenga mai la speranza dentro il nostro cuore e che ciascuno di noi possa essere lo strumento, come quel bimbo, capace in ogni momento di riaccendere con la sua speranza, la fede, la pace e lamore!

    lica, alla presenza e allattivit pro-mossa sul territorio dalle numerose societ sportive e per dare importan-za al legame tra la proposta sportiva e lattivit degli oratori. Prima sosta alloratorio di Montecchio, accolti dal parroco don Giovanni, dove inizia la semplice rappresentazione della sto-ria delle quattro candele. Spenta la prima candela il Presidente Claudio Ceccon consegna al sacerdote, pa-drone di casa, il pallone di calcio ap-

    positamente prodotto dalla Gazzetta dello sport per ricordare la finale del campionato mondiale 2006 e pre-sentato dal CSI ad Assisi; un dono che intende essere un segno di rin-graziamento per laccoglienza ma, soprattutto, un grazie per lospitalit data dalloratorio allattivit sportiva. Superato il ponte di Montecchio sen-za creare grandi problemi al traffico, grazie alla preziosa collaborazione della polizia municipale di Darfo, il

    serpentone colorato del CSI illumi-nato dalle fiaccole si diretto verso lOratorio di Boario Terme. Nei pressi del campo sportivo pronto don En-rico, parroco di Boario, che accoglie i partecipanti e la seconda parte della storia che caratterizza il pellegrinag-gio natalizio del CSI. Anche a don Enrico il CSI dona il pallone di Assi-si e ringrazia per lospitalit data alle manifestazioni sportive della nostra associazione. In una cittadina attra-versata dal solito traffico delle festi-vit incuriosisce questa camminata

  • 6 G E N N A I O 2 0 0 9

    3

    in notturna preceduta dalle bandie-re blu e arancio e dallo striscione del CSI portato dai ragazzi del G.S.O. Darfo e punteggiata da un centina-io di fiaccole e candele accese per illuminare il cammino. Ad attendere il gruppo del CSI a Corna non c il parroco don Angelo, impegnato a ce-lebrare la Santa Messa, ma le strut-ture dellOratorio sono aperte per la terza tappa del Natale degli sporti-vi. Nei pressi della statua di Giorgio Frassati si mette in scena la terza parte della storia delle quattro cande-le e consegnato, idealmente, il pallo-ne del CSI ad un ragazzo di Corna. Con buon passo il serpentone colo-

    rato si avvicina a Darfo per lepilogo della sfilata e la conclusione della storia. Sul palco del cinema San Fi-lippo, che ha ospitato la parte finale della manifestazione del CSI, la can-dela della speranza riaccende le altre tre candele che si sono spente lungo il cammino della fiaccolata. Finch anche una sola candela resta acce-sa, una sola fiammella, allora c la speranza di vedere realizzato il pro-getto del CSI per questo quindi, ha ribadito il Presidente del CSI camu-no Claudio Ceccon, non sono impor-tanti i numeri ma la convinzione nella bont della proposta educativa della nostra associazione.Concetto ribadito dalle parole della canzone che ha chiuso la seconda parte del natale degli sportivi: Andia-mo a costruire la citt dove avanza il deserto. Un seme di speranza ba-ster per un giardino immenso e un pugno di buona volont per fare la citt. Anche in questa tappa conse-gna del pallone del CSI a Ettore Laini, Presidente del G.S.O Darfo, ma an-che rappresentante del parroco don Franco e del curato don Marco. Terzo passo della festa quello dedi-cato alla speranza, alla solidariet; qui

  • 4entra in scena il vice Presidente del Csi di Vallecamonica, Tomaso Botti-chio, che illustra i due progetti di soli-dariet promossi dal nostro comitato. Con poche diapositive testimonia-ta la gioia immensa dei bambini della missione di Luvingi che questa esta-te hanno ricevuto il materiale sportivo raccolto dalle societ sportive del CSI in questi due anni e inviate in Congo a Padre Gianni Pedrotti. Dai risultati eccellenti e tangibili del progetto di solidariet promosso nel Natale degli sportivi del 2006 si passati alla nuova impresa che i nostri gruppi sportivi sono chiamati a sostenere. Dalla missione di Murayi le suore Dorotee di Cemmo hanno infatti in-viato un messaggio daiuto alla no-stra associazione per dare vita ad un progetto con protagonista lattivit

    La Gazzetta regala 100 palloni ad ogni comitato

    Entro cento giorni, 100 palloni per uno! Un bellissimo regalo di Natale attende ciascun comi-tato Csi. Lo fa la Gazzetta del-lo Sport, che al Centro Sportivo Italiano doner i palloni di calcio commemorativi della storica im-presa azzurra ai Mondiali di Ger-mania. Teamgeist ovvero Spi-rito di squadra era il nome del pallone usato dai nostri Campio-ni del Mondo. Anche la squadra del Csi li avr tra pochissimo: Italia-Francia 5-3 stampato indelebile sul cuoio dei palloni che arriveranno ai comitati en-tro la fine di febbraio.

  • 6 G E N N A I O 2 0 0 9

    5

    sportiva come importante strumento educativo. Nella missione del Burun-di le suore sono infatti impegnate a costruire una strutture sportiva poli-valente per i numerosi bambini pre-senti; il campo di calcio e pallavo-lo ormai concluso e servono fondi per coprire le spese sostenute dalla missione. Non una cifra esagera-ta, sono circa quindicimila euro, che con un piccolo sforzo le nostre so-ciet sportive insieme al Comitato del CSI di Vallecamonica e a quello nazionale (che ha gi promesso un sostegno) possono raccogliere. Per dare forza al valore della speranza stato proiettato anche un breve fil-mato che ha testimoniato lesperien-za di Simona Aztori, danzatrice e ar-tista priva delle braccia, protagonista di un intervento nel recente meeting di Assisi del CSI.Parte conclusiva del pomeriggio tra-scorso con il CSI di Vallecamonica riservata alla condivisione; condivi-sione delle proprie esperienze, degli auguri e del ricco rinfresco predispo-sto nei locali delloratorio dal gruppo sportivo e dal CSI. Si conclude cos la manifestazione che intendeva por-gere gli auguri di buon Natale e di un

    2009 ricco di soddisfazioni ma che si trasformata, grazie allabilit di don Battista, in una lunga riflessione sui tanti valori che caratterizzano, o do-vrebbero caratterizzare, la proposta sportiva del CSI. Sar servito a qualche cosa questo cammino illuminato dalle fiaccole? Si-curamente s, perch il messaggio fi-nale semplice e chiaro non si spen-ga mai la speranza dentro il nostro cuore e che ciascuno di noi possa essere lo strumento, come quel bim-bo, capace in ogni momento di riac-cendere con la sua speranza, la fede, la pace e lamore! e, aggiungiamo, il progetto educativo del CSI.

  • 6Tutti i coloridella pace

    Con questa preghiera i partecipanti al Natale degli sportivi hanno invocato la pace

    Dio ha creato lacqua la terra e il cielo, e li ha adornati con una creatura che gli assomigliava.

    La pace invece lha affidata al Vento e il Vento lha deposta fra gli alberi, ed era un libro, fatto di Parole, ed era la Parola. Pass una donna e lo vide fra le mar-gherite, sospinta dal Vento se lo strin-se al seno e abbracci un bambi-no, un libro di Parole, un bimbo di colori. E sfogli quel libro quella don-na, ogni pagina un colore. La prima pagina bianca, come le nevi eterne delle cime, perch la pace in alto, pura e immacolata, per-ch la pace Dio. Rossa la seconda pagina come la fiamma del roveto ardente, per-ch la pace fuoco, brucia, riscal-da e fonde, perch la pace Dio. La terza pagina ha il color del prato, verde come una gemma preziosa, per-ch la pace fatta di speranze, orna-ta da piccoli gesti damore, come un vasto campo derba, ricamato dai fiori dai mille colori, perch la pace Dio. Azzurra la quarta pagina del libro, chiara come lacqua di sorgente, se-rena come un cielo di maggio, pro-fonda come lacqua dellOceano, perch la pace sfonda gli abissi e solca linfinito, perch la pace Dio. Gialla la quinta pagina, come un ricamo doro fino, perch la pace dono, preziosa e vale molto, uno scrigno di valori , perch la pace Dio.

    La pace arancione, un colore vivo, perch la pace vita, acceso, per-ch la pace forza, solare, perch la pace luce, perch la pace Dio. Di color violetto la settima pagina, un colore tra il rosso ed il turchino tra lindaco e larancio, perch la pace festa di colori, gioco di luce, comu-nione di valori, perch la pace Dio. Chiude il libro la donna e tra le dita si ritrova un bimbo di colori, fiorisce fra le sue mani la pace vera, perch lEmmanuele, il Dio con noi.

  • 6 G E N N A I O 2 0 0 9

    7

    Assegnati sessantasetteDiscoboli al merito

    Tra i premiati anche una societ sportiva e un animatore del CSI camuno

    Ad Assisi si riunita la Com-missione consiliare per lasse-gnazione del Premio Discobo-

    lo doro al merito CSI, composta dal presidente Vittorio Bosio e dai 4 mem-bri Ernesto Benedetti, Monica Muro, Andrea Piatti, Alessandro Rossi. Re-lativamente al 2007 le assegnazio-ni sono state 67, di cui 10 alla me-moria, 21 a delle societ sportive e 34 a tesserati di 14 regioni differen-ti. Un premio speciale, su proposta della Commissione consiliare, stato assegnato a Edio Costantini, presi-dente del Centro Sportivo Italiano da maggio del 2000 a giugno del 2008.Il Discobolo al merito CSI un rico-noscimento istituito dal Consiglio na-zionale del Centro Sportivo Italiano nel 1994 in occasione del Cinquan-tesimo anno di fondazione dellasso-ciazione. Il premio rappresenta uno dei pi alti attestati di stima per tutti coloro che nel corso degli anni han-no generosamente dedicato unampia parte della loro vita al CSI ed ai suoi ideali, favorendone lo sviluppo e pro-muovendo la sua proposta sportivo-educativa. Nel regolamento si legge espressamente che non sufficien-te aver maturato lanzianit richiesta, ma occorre dimostrare di essersi im-pegnati in maniera eminente per lo sviluppo del CSI e per la promozione della sua proposta sportiva ed edu-cativa. Fino al 2000 erano tre i Di-scoboli che venivano assegnati - oro, argento e bronzo - a quelle societ sportive o a quei soci con almeno ri-spettivamente 40, 30 e 20 anni ef-fettivi di attivit ed impegno nel CSI.

    Dal 2001, cessata la tripartizione del premio, si assegna unicamente il di-scobolo doro al merito per societ e persone con anzianit minima asso-ciativa di 30 anni. Inoltre, secondo il regolamento del premio, il Discobo-lo pu anche essere riconosciuto alla memoria ed in alcune circostanze a persone esterne al Csi. La consegna dei Discoboli avviene ogni anno nel corso di una cerimonia, che pu svol-gersi anche in maniera decentrata. Dal 1994 ad oggi il CSI ha premia-to circa un migliaio di persone.Tra i sessantasette riconoscimenti asse-

    gnati dalla Presidneza Nazionale del CSI due riguardano anche il Comita-to CSI di Vallecamonica. Sono state infatti accettate entrambe le segna-lazioni della Presidenza del CSI ca-muno che ha indicato una societ sportiva e un tesserato da trentanni alla nostra associazione. Non svelia-mo i nomi dei due discoboli camuni per non rovinare la sorpresa al mo-mento della consegna del riconosci-mento in occasione della festa per i trentanni di fondazione del Comitato CSI di Vallecamonica in programma nella prossima primavera.

  • 8Le classifiche

    Buona la primaper lo Sci Cai Edolo

    Esordio al Passo del Tonale del campionato di sci con 110 sciatori al via

    Con piste perfettamente innevate e una splendida giornata di sole il campionato di sci del CSI di Val-lecamonica ha potuto prendere il via regolarmente

    anticipando la stagione rispetto agli anni passati. Appun-tamento sulle nevi del Passo del Tonale per 110 sciatori del CSI camuno, numeri in linea con le precedenti sta-gioni anche se sono mancate allappello alcune societ sportive. Solamente tre gli Sci Club della Vallecamonica impegnati nello slalom gigante organizzato dallo Sci Cai Edolo, a questi va poi aggiunta la formazione brescia-na del Montorfano Ski Team che ha portato due atleti al Passo del Tonale. La macchina organizzativa allestita dal responsabile di settore Sergio Mazzola ha retto bene a questa prova desordio, facilitata anche dallesperien-za degli animatori del gruppo sportivo edolese e dallot-tima preparazione della pista predisposta dai maestri di sci del Tonale. Sul podio delle quindici categorie pre-viste dal regolamento si sono alternati i rappresentanti di tutte e quattro le societ partecipanti alla prima gara con un prevalenza degli sciatori esolesi che si sono im-posti in otto prove individuali. Alla fine quindi inevitabi-le trovare lo Sci Cai Edolo sul gradino pi alto del podio nella graduatoria di societ anche se lo Sci Club Piso-

    Categoria Maestri1 Nicola Vitali Sci Cai Edolo2 Matteo Mora Sci Cai Edolo3 Simone Gabrieli Sci Club Pisogne4 Paolo Mariotti Sci Cai Edolo5 Laura Casartelli Sci Club Pisogne6 Orio Piras Sci Club Pisogne

    Categoria Esordienti femminile1 Giulia Ziliani Sci Club Pisogne2 Laura Ziliani Sci Club Pisogne3 Alice Crema Sci Club Pisogne4 Sara Bardelli Sci Club Pisogne

    Categoria Esordienti maschile1 Luca Melotti Sci Cai Edolo2 David Cristini Sci Club Rongai3 Ramon Zaninoni Sci Club Pisogne

    Categoria Ragazze1 Sara Tosana Sci Cai Edolo2 Francesca Scarlatti Sci Club Grignaghe

    Categoria Ragazzi1 Davide Archetti Sci Cai Edolo2 Alessandro Isonni Sci Cai Edolo3 Mattia Sassi Sci Cai Edolo4 Nicola Melotti Sci Cai Edolo5 Domenico Piazzani Sci Cai Edolo6 Marco Romano Sci Club Pisogne7 Giorgio Casalini Sci Cai Edolo8 Alessandro Armanini Sci Cai Edolo9 David Gazzoli Sci Club Pisogne

    Categoria Allievi1 Davide Ziliani Sci Club Pisogne2 Yuri Frassi Sci Club Pisogne

  • 6 G E N N A I O 2 0 0 9

    9

    3 Manuel Sabbadini Sci Cai Edolo4 Stefano Minini Sci Club Pisogne

    Categoria Allieve1 Miriam Melotti Sci Cai Edolo2 Cristina Frassi Sci Club Rongai3 Alessia Di Ges Sci Club Rongai4 Jennifer Gazzoli Sci Cai Edolo5 Alice Poni Sci Club Pisogne6 Giulia Traversi Sci Club Rongai7 Francesca Moretti Sci Club Rongai

    Categoria Adulte1 Emanuela Frassi Sci Club Piosgne2 Monica Pellegrini Sci Cai Edolo3 Mariangela Gregorini Sci Cai Edolo4 Catherine Olivier Sci Club Rongai5 Paola Dentella Sci Club Pisogne

    Categoria Seniores F.1 Tania Francesconi Sci Club Rongai2 Lisa Volpe Sci Club Pisogne3 Costanza Zanardini Sci Club Pisogne4 Alessia Poni Sci Club Pisogne5 Valentina Ceruti Sci Club Pisogne

    Categoria Veterani1 Gino Salis Sci Cai Edolo2 Gianpaolo Casartelli Sci Club Pisogne3 Bruno Belli Sci Club Rongai4 Gianpiero Almici Sci Club Pisogne5 Enrico Facchini Sci Cai Edolo

    Categoria Master1 Severino Mariotti Sci Cai Edolo2 Paolo Melotti Sci Cai Edolo3 Giovanni Pompeiani Sci Club Pisogne4 Marco Maffeis Sci Club Pisogne5 Lorenzo Ribola Sci Club Pisogne6 Bortolo Frassi Sci Club Rongai7 Sergio Mazzola Sci Club Rongai8 Nicola Crema Sci Club Pisogne9 Luigi Maggi Sci Club Pisogne10 Giuseppe Frassi Sci Club Rongai11 Giovanni Olivieri Sci Club Pisogne12 Andrea Soardi Sci Club Pisogne

    gne non finito molto lontano. I tempi migliori in assolu-to dello slalom gigante del CSI sono stati realizzati nella prova riservata alla categoria Punteggiati Fisi dove si imposto latleta dello Sci Cai Edolo Nicola Vitali con 60 centesimi di vantaggio sul compagno di squadra Matteo Mora, terza piazza per Simone Gabrieli, Sci Club Piso-gne. In campo maschile la formazione di Edolo ha pri-meggiato anche tra gli Esordienti, con Luca Melotti che ha preceduto David Cristini (Sci Club Rongai), nella ca-tegoria Ragazzi, con la coppia Davide Archetti e Ales-sandro Isonni, tra i veterani, dove al primo posto si piazzato Gino Salis precedendo il pisognese Gianpaolo Casartelli, nella prova dei Master con Severino Melotti e il compagno di squadra Paolo Melotti, e tra gli Juniores grazie a Loris Tomasi che ha preceduto laltro edolese Simone Tosana e Davide Zaninoni, Sci Club Pisogne. La formazione edolese ha ottenuto il miglior tempo an-che in campo femminile con lallieva Miriam Melotti che ha staccato anche il tredicesimo tempo assoluto della manifestazione. In questa categoria seconda piazza per Cristina Frassi, Sci Club Rongai, e terza posizione per la compagna di squadra Alessia Di Ges. A completare le vittorie individuali della formazione edolese il successo di Sara Tosana tra le Ragazze con Francesca Scanfer-lato, Sci Club Rongai, al secondo posto. In campo fem-minile due primi posti per lo Sci Club Pisogne che vince tra le Esordienti con Giulia Zani, e le altre sciatrici di Pi-

  • 10

    Classifica di societ

    1 Sci Cai Edolo 912 Sci Club Pisogne 823 Sci Club Rongai 624 Montorfano Ski Team 49

    13 Roberto Poni Sci Club Pisogne14 Domenico Girelli Sci Club Pisogne15 Bortolo Germano Sci Cai Edolo

    Categoria Adulti1 Simone Bignotti Montorfano Ski Team2 Luciano Archetti Sci Cai Edolo3 Roberto Vitali Sci Cai Edolo4 Mario Ziliani Sci Club Pisogne5 Marco Ronchi Sci Cai Edolo6 Ugo Sassi Sci Cai Edolo7 Marcello Frassi Sci Club Pisogne8 Marco Laini Sci Club Pisogne9 Giuseppe Casalini Sci Cai Edolo10 Massimo Bonardi Sci Club Pisogne11 Valter Calzaferri Sci Cai Edolo12 Armando Isonni Sci Cai Edolo13 Ferruccio Zaninoni Sci Club Pisogne14 Gilberto Bardella Sci Club Pisogne

    Categoria Juniores M.1 Loris Tomasi Sci Cai Edolo2 Simone Tosana Sci Cai Edolo3 Davide Zaninoni Sci Club Pisogne4 Stefano Armanini Sci Cai Edolo5 Andrea Bardella Sci Club Pisogne6 Francesco Beltracchi Sci Cai Edolo

    Categoria Seniores M.1 Davide Almici Sci Club Rongai2 Angelo Ducoli Sci Club Pisoigne3 Marco Secchi Sci Club Rongai4 Andrea Belleri Sci Club Pisogne5 Marco Belleri Sci Club Piosgne6 Riccardo Delledonne Montorfano Ski Team7 Daniele Laini Sci Club Rongai8 Pierantonio Belli Sci Club Rongai9 Ivan Angeli Sci Cai Edolo10 Guglielmo Chiodi Sci Cai Edolo

    Categoria Criterium M.1 Simone Frassi Sci Club Rongai2 Matteo Tevini Sci Cai Edolo3 Michele Ducoli Sci Club Pisogne4 Simone Fanetti Sci Cai Edolo5 Simone Pedretti Sci Club Rongai6 Mattia Girelli Sci Club Pisogne

    sogne Lara Ziliani e Alice Crema a completare il podio, e nella gara riservata alle adulte dove si impone Ema-nuela Frassi davanti alledolese Monica Pellegrini. Lo Sci Club Pisogne ottiene il primo posto anche tra gli Al-lievi grazie a Davide Ziliani, seconda piazza per il com-pagno di team Yuri Frassi mentre finisce terzo Manuel Sabbadini (Sci Cai Edolo). Giornata positiva anche per lo Sci Club Rongai che piazza tre sciatori sul gradino pi alto del podio; successo di Tania Francesconi nella pro-va riservata alle Seniores davanti alle atlete di Pisogne Lisa Volpe e Costanza Zanardini. Tra i maschi invece il Rongai si impone nei Seniores con Davide Almici, se-condo posto per Angelo Ducoli, e nei Criterium dove Si-mone Frassi stacca di due secondi ledolese Matteo Te-vini. La trasferta sulle piste di sci camune dei portacolori del Montorfano Ski Team stata arricchita dal successo di Simone Bignotti nella categoria Adulti, alle sue spalle sono finiti i due sciatori dello Sci Cai Edolo Luciano Ar-chetti e Roberto Vitali. Il circuito di sci del CSI di Valleca-monica, intitolato alla memoria di Domenico Berlinghieri, prosegue domenica 11 gennaio con lo slalom gigante in programma ancora al Passo del Tonale sulla pista Sero-dine con ritrovo, per la distribuzione dei pettorali di gara, alle ore 8 presso il bar Rododendro.

  • 6 G E N N A I O 2 0 0 9

    11

    Arbitri e giudici regionali di tutte le discipline sportive si ritrove-ranno a Boario Terme per uno

    stage formativo organizzato dal CSI Lombardia. Lappuntamento per il 10 e 11 gennaio 2009 allHotel Ex-celsior, struttura che ospiter il cor-so, con modalit differenti a secon-da delle diverse specialit sportive. Liniziativa, rivolta a giudici e arbitri di gara regionali o a direttori di gara che svolgono attivit nel proprio comitato da almeno due anni, unoccasione per approfondire la tecnica e il ruo-lo del giudice e dellarbitro allinterno dellassociazione.Ad inaugurare la due giorni formativa saranno gli arbitri degli sport di squa-dra attesi in Vallecamonica gi nel-

    Boario Terme ospitala formazione degli arbitri regionali

    Il 10 e 11 gennaio in Vallecamonica lo stage regionale dei direttori di gara

    la serata di venerd 9 gennaio; dopo laccoglienza e la cena prevista per i direttori di gara iscritti allo stage una serata associativa. Il programma del-lo stage prevede alle ore 9 di saba-to 10 gennaio con la presentazione delliniziativa seguita dalla lezione tecnica con il supporto di materiale video. Nel pomeriggio i partecipanti allo stage regionale visioneranno al-cuni incontri di calcio, pallavolo e pal-lacanestro per tornare in aula alle ore 18 ed affrontare alcuni quiz per disci-plina tecnica. Dopo la correzione del questionario da parte del docente la cena e la serata libera. La mattinata di domenica sar aperta dellincon-tro sul tema Faccio larbitro perch mi diverto quindi lincontro con alcuni

    componenti della Presidenza regio-nale del CSI Lombardia e la Santa Messa che alle ore 11,45 conclude la due giorni di formazione. Allappunta-mento di Boari Terme parteciperanno anche i giudici di gara e i presiden-ti di giuria di karate e judo e i giudici regionali di atletica. Per questi diret-tori di gara il CSI lombardo ha previ-sto uno stage di una sola giornata; il corso programmato per sabato 10 gennaio e prevede una lezione tec-nica il mattino, una prova pratica nel primo pomeriggio seguita da un quiz tecnico valutato poi dal docente del corso. In serata il saluto del responsa-bile regionale dei direttori di gara. La frequenza allo stage e il superamento del test consentono il mantenimento o meno del ruolo regionale.

  • 12

    Festa di fine annoper la Polisportiva Disabili

    Presentati i risultati sportivi ottenuti nel 2008 dal gruppo sportivo camuno

    Domenica 14 dicembre, presso lHotel Excelsiori di Boario Ter-me, circa 170 persone si sono

    riunite attorno della Polisportiva Di-sabili Valcamonica per scambiarsi gli auguri di Natale, per riconosce-re limpegno degli atleti che durante lanno si sono particolarmente distinti, per dire grazie a tutti coloro che lavo-rano e che dedicano il proprio tempo libero per organizzare le numerose attivit sportive che coinvolgono un centinaio di ragazzi. La scelta ve-ramente vasta: atletica leggera, sci alpino, bocce, calcio, nuoto, ippote-rapia, tennis e tennis in carrozzina, basket, handbike, sci nordico, biath-lon, vela, tandem non vedenti, cicli-smo, tiro con larco, tiro a volo.Alla giornata di festa hanno parteci-pato anche alcuni rappresentanti po-

    litici da sempre sostenitori della Poli-sportiva: lAssessore Provinciale del settore Famiglia e attivit socio-assi-stenziali, Riccardo Minini, lAssesso-re allo Sport di Darfo Boario Terme, Franco Camossi, lAssessore ai Ser-vizi Sociali di Rogno, Giovanni Anto-nio Delvecchio, il Vice Presidente e Assessore allo Sport della Comunit Montana di Valle Camonica, Stefa-no Gelmi, e il Presidente della Valle Camonica Servizi SpA, Sig. Garat-ti. Proprio loro hanno avuto lonore di consegnare i trofei ai migliori at-leti dellanno.Il momento conviviale, quindi, sta-to anche loccasione per presenta-re i risultati sportivi ottenuti nellanno 2008, per valorizzare la partecipazio-ne di tutti ad eventi sportivi che rap-presentano soprattutto unoccasione

    per vivere la socialit, per arricchirsi di esperienze umane e affettive.Gli ultimi risultati ottenuti nelle recenti manifestazioni sportive, lasciano ben sperare per la ripresa dellattivit dopo le feste natalizie. Il 30 novembre, con il Meeting di Nuoto a Brescia, inizia-ta la stagione agonistica 2008-09 alla quale la nostra Polisportiva ha parte-cipato con una rosa di cinque atleti: Stefano Delbello, Giuseppe Rome-le, Marco Pedersoli, Alessandro Re-baioli e Dario Torri.Nel complesso i risultati sono stati soddisfacenti. Giueseppe Romele ha stabilito, con 3967 sui 50m sti-le libero, la sua miglior prestazione personale e il nuovo record italiano per la categoria S 06.

  • 6 G E N N A I O 2 0 0 9

    13

    Buone le prestazioni da parte di Del-bello e di Rebaioli nei 50m stile libero, lallenamento e la passione non po-tranno che migliorare i prossimi risul-tati. Anche Pedersoli, al rientro dopo un intervento chirurgico, ha nuota-to i 50m dorso vicino al suo record personale. Dallacqua delle piscine alla neve che imbianca le piste per gli instancabi-li sciatori che affrontano, con idoneo equipaggiamento, il freddo della mon-tagna. A Schilpario in questi giorni si sta svolgendo il corso di sci di fondo, organizzato in collaborazione con lo sci club di Darfo B.T., al quale parte-cipano anche dieci ragazzi iscritti alla Polisportiva Disabili, seguiti da Adol-fo Zeziola che porter la squadra ai Campionati Italiani di sci nordico che si svolgeranno a Pragelato (TO) alla met del mese di gennaio.I successi femminili vedono spicca-re Santina Pertesana e Pamela No-vaglio.Santina Pertesana stata convoca-ta per uno stage con la squadra na-zionale femminile di tiro con larco, riconfermando la sua competitivit a livello nazionale e la possibilit di varcare i confini nazionali.Pamela Novaglio, invece, ha ricevu-to una prestigiosissima onorificen-za dal CONI provinciale per i risulta-ti ottenuti alle Paralimpiadi di Torino 2006: alla nostra atleta stata con-segnata la medaglia di Bronzo al Va-lore Atletico.Fra i progetti futuri sicuramente il pi importante e ambizioso la parteci-pazione del maggior numero di atle-ti alle Paralimpiadi di Londra 2012. Tutti dovranno lavorare intensamen-te nei prossimi quattro anni per risul-tare competitivi nel confronto con gli avversari delle altre nazioni.Sono gi stati individuati alcuni atleti che hanno dimostrato ottime qualit nelle competizioni a livello nazionale

    ed internazionale. Nel ciclismo-tan-dem Emanuele Bersini con la nuo-va guida Daniele Riccardo di Varese, Gioele Castelli, Lucia Fettolini e Dario Torri per il tennis, seguiti dalleccel-lente atleta Paralimpico Mario Gatelli, Giuseppe Romele per il nuoto, San-tina Pertesana per il tiro con larco, Jessica Pellizzari per latletica legge-ra, Pamela Novaglio che potr deci-dere se dedicarsi allo sci o cimentar-si nella carabina. Le stelle che brillano per la Polispor-tiva Disabili Valcamonica sono dav-

    vero tante! Merito degli atleti, certo, della loro costanza, del loro entusia-smo. Ma non si deve dimenticare lenorme impegno del gruppo am-ministrativo-organizzativo che lavora dietro le quinte: la Presidente Giglio-la Frassa, il grande regista Angelo Martinoli, che ricopre anche la carica di Presidente provinciale del CIP, tut-ti i membri del Consiglio, gli allenato-ri, i volontari che offrono il loro aiuto, ognuno per quello che pu fare.

    Eleonora Delasa

  • 14

    Commissione tecnica bocceComunicato N 6 del 5 Gennaio 2009

    Trofeo Orologeria Ottica Nodari Piamborno

    Partita Terna Coppia Singolo TotaleSeg de Marie Cimbergo B- Casa della scarpa Edolo 12-09 10-01 12-09 36-19

    Bar Sport S.Giulia A- A.S.D.oratorio Don Bosco 12-05 02-12 08-12 22-29

    Mart. Macchine Esine- Vall.giochi Sonico 06-12 12-11 12-09 30-32

    Gratacasolo C- Gratacasolo A 10-12 11-12 10-12 31-36

    Pizzeria Astra Edolo- Gratacasolo B 08-12 12-11 12-04 32-27

    Bar alla Fonte Cogno 2- Centro anziani Malegno 12-07 03-12 12-10 27-29

    Seg de Marie Cimbergo A- Bar alla Fonte Cogno 1 12-11 12-10 02-12 26-33

    Bar Sport S.Giulia C- Pizzeria Alpi Edolo 07-12 12-08 09-12 28-32

    Auto Moreschi Malonno- U.I.S.P.Berzo ND ND ND ND

    CLASSIFICA

    1 Pizzeria Alpi Edolo 2082 Gratacasolo A 2053 Vallecamonica giochi Sonico 1984 Segheria De Marie Cimbergo B 1965 Segheria De Marie Cimbergo A 1876 Centro Anziani Malegno 1857 Bar sport S. Giulia C 1848 Martinazzi Macchine agricole Malegno 1829 Auto Moreschi Malonno 17210 Bar alla fonte Cogno 1 16911 Casa della scarpa Edolo 16112 Bar alla fonte Cogno 2 15313 Bar sport S. Giulia A 14514 Pizzeria Astra Edolo 14015 Oratorio don Bosco Gorzone 13616 U.I.S.P. Berzo Inferiore 13417 Gratacasolo B 12818 Gratacasolo C 121

  • CSI copertina 01CSI copertina 2CSI Insieme 01-2009CSI copertina 3CSI copertina 4


Recommended