Home >Entertainment & Humor >Il cammino di Agostino in Brianza

Il cammino di Agostino in Brianza

Date post:07-Nov-2014
Category:
View:6,045 times
Download:3 times
Share this document with a friend
Description:
La presentazione del progetto del Cammino di Sant'Agostino in Brianza
Transcript:
  • 1. Turismo sostenibile come leva di sviluppo sociale Santiago di Compostela in Brianza: il Cammino di SantAgostino Monza, 7 novembre 2008
  • 2. COSE IL CAMMINO DI SANTAGOSTINO Il Cammino di SantAgostino un nuovo pellegrinaggio che collega con le sue tappe i 25 Santuari mariani presenti sul territorio della Brianza . Il percorso include i pi importanti siti artistici e dinteresse del territorio brianzolo (chiese, monasteri, monumenti , parchi naturali, ville di delizia). Larrivo del Cammino a Monza e coincide con il punto di partenza; la sua lunghezza di 350 km, per quattordici giornate di viaggio . Introduzione
  • 3.
    • LA BRIANZA
    • I SUOI CONFINI
    • a Ovest il fiume Seveso;
    • a Sud il canale Villoresi;
    • a Est il fiume Adda e poi
    • il Rio Vallone;
    • a Nord le prime prealpi
    • del triangolo lariano.
    Introduzione
  • 4. Cinque, gli elementi ispiratori: - La presenza di SantAgostino in Brianza , a Cassago - Cassiciacum ; - Le testimonianze mariane sul territorio della Brianza (25 santuari, molti dei quali pregevoli dal punto di vista artistico e paesaggistico); - La volont di collegare in un percorso unico e ideale le numerose testimonianze di arte romanica e altomedievale nel territorio brianteo ; - La definizione di un unico grand tour per visitare tutti i significativi punti di interesse turistici della Brianza; - La valorizzazione della Brianza con uniniziativa di slow tourism, che induca il viaggiatore a una permanenza lunga e sostenibile . Il Cammino di SantAgostino
  • 5. La dedicazione di questo pellegrinaggio alla figura di SantAgostino da riportare alla avvenuta presenza del Santo in Brianza, nel Comune di Cassago Cassiciacum . Tale permanenza, documentata da Agostino nelle sue Confessioni , antecedente al suo battesimo nel Duomo di Milano, per mano del Vescovo Ambrogio . La centralit di Agostino nel Cammino in Brianza evidente , sia dal punto di vista geografico che dal punto di vista ideale, considerato il cammino spirituale da lui compiuto sul territorio brianzolo. La figura di SantAgostino
  • 6. I Santuari Mariani in Brianza I VENTICINQUE SANTUARI MARIANI DEL CAMMINO DI SANTAGOSTINO Santuario della B. V. del Carmelo, a Montevecchia Santuario della Madonna di Bevera a Barzago Santuario della B. V. della Misericordia, a Vimercate Santuario della Madonna di Rogoredo, ad Alzate Santuario della Madonna Addolorata, ad Airuno Santuario della Madonna di S. Calogero, a Caslino Santuario della Madonna dei Miracoli, a Cant Santuario della Madonna di S. Valeria, a Seregno Santuario della Madonna del Borgo, a Lissone Santuario di Nostra Signora di Lourdes, a Monguzzo Santuario della Madonna del Bosco, a Imbersago Santuario di S. Maria Assunta, a Triuggio Santuario della Madonna del Latte, a Valmadrera Santuario di S. Maria Nascente, a Merate Santuario della Madonna del Pellegrino, a Desio Santuario di S. Maria della Noce, a Inverigo Santuario della Madonna del Sasso a Colle Brianza Santuario di S. Maria in Frasca, a Cesano Maderno Santuario della Madonna della Misericordia, a Vedano Santuario di Santa Maria delle Grazie, a Monza Santuario della Madonna della Neve, a Cucciago Santuario di Santa Maria della Neve, a Pusiano Santuario della Madonna della Rocchetta, a Cornate
  • 7. I Longobardi e il Romanico in Brianza Testimonianze darte Longobarda e Romanica in Brianza Tra le pi significative ricordiamo : - Il Duomo e il Museo di Monza - La Basilica di Agliate - San Vincenzo in Galliano a Cant - San Pietro al Monte di Civate - Il Battistero e la chiesa plebana di Oggiono - La chiesa di Garbagnate Monastero - Il monastero della Misericordia a Missaglia - La chiesa di San Salvatore a Barzan - La chiesa di San Colombano e Celso ad Arlate
  • 8. IL PERCORSO DEL CAMMINO DI SANTAGOSTINO E un cammino di 14 giorni per 350 km , a congiungere 25 Santuari mariani presenti sul territorio della Brianza. Un cammino di fede, di cultura e di delizia. Arte, Musei, Ville di Delizia in Brianza
  • 9. IL SIMBOLO DEL CAMMINO Leuropeit e la circolarit del Cammino sono rappresentati dalla corona mariana di dodici stelle . La corona regale e una seconda corona ellittica di 25 stelle indicano e rimarcano la tipicit brianzola del Cammino . Il Cammino di SantAgostino
  • 10. Introduzione LE VENTICINQUE TAPPE DEL CAMMINO DI SANTAGOSTINO 1 a tappa Da Santa Maria delle Grazie in Monza a S.M. Misericordia in Vedano al Lambro 2 a tappa Da S.M. della a Misericordia in Vedano alla Madonna del Borgo in Lissone 3 a tappa Dalla Madonna del Borgo in Lissone a S. Maria Assunta in Rancate di Triuggio 4 a tappa Da S. Maria Assunta in Rancate di Triuggio alla Madonna di S. Valeria a Seregno 5 a tappa Dalla Madonna di Santa Valeria a Seregno alla Madonna Pellegrina a Desio 6 a tappa Dalla Madonna Pellegrina in Desio a S. Maria della Frasca a Cesano Maderno 7 a tappa Da S. Maria della Frasca in Cesano Maderno alla Madonna della Neve a Cucciago 8 a tappa Dalla Madonna della Neve a Cucciago alla Madonna dei Miracoli a Cant 9 a tappa Dalla Madonna dei Miracoli in Cant alla Madonna di Rogoredo di Alzate Brianza 10 a tappa Dalla Madonna di Rogoredo di Alzate Brianza a Santa Maria della Noce a Inverigo 11 a tappa Da Santa Maria della Noce di Inverigo a nostra Signora di Lourdes in Monguzzo 12 a tappa Da n.S. di Lourdes di Monguzzo alla Madonna di San Calocero di Caslino dErba 13 a tappa Dalla Madonna di S. Calocero di Caslino alla Madonna del Latte di Valmadrera
  • 11. Introduzione LE VENTICINQUE TAPPE DEL CAMMINO DI SANTAGOSTINO (SEGUE) 14 a tappa Dalla Madonna del Latte di Valmadrera alla Madonna della Neve di Pusiano 15 a tappa Dalla Madonna della Neve di Pusiano a Santa Maria Nascente di Bevera 16 a tappa Da S. Maria Nascente di Bevera alla Madonna di Czestochowa in Valgreghentino 17 a tappa Dalla Madonna di Czestochowa a Valgreghentino a S. M. della Rocchetta di Airuno 18 a tappa Dalla Madonna della Rocchetta di Airuno alla Madonna del Sasso di Colle Brianza 19 a tappa Dalla Madonna del Sasso di Colle Brianza alla B. V. del Carmelo di Montevecchia 20 a tappa Dalla B. V. del Carmelo di Montevecchia a S. M. Nascente di Sabbioncello-Merate 21 a tappa Da Santa Maria Nascente di Sabbioncello alla Madonna del Bosco di Imbersago 22 a tappa Dalla Madonna del Bosco di Imbersago alla Madonna della Rocchetta di Cornate 23 a tappa Dalla Madonna della Rocchetta di Cornate alla B. V. del Lazzaretto di Ornago 24 a tappa Dalla B. V. del Lazzaretto di Ornago alla Beata Vergine del Rosario di Vimercate 25 a tappa Dalla B. V. del Rosario di Vimercate alla Beata Vergine delle Grazie di Monza
  • 12.
    • Le criticit
    • Necessit di offrire una informativa completa dellopportunit turistica connessa al Cammino di SantAgostino;
    • P roblematic a e cruciale la necessit di garantire risorse di accoglienza lungo il tragitto, basate su una formula di vicinanza al pellegrino . Tale tipologia di risorse potrebbe inizialmente essere offerta , in ambito religioso, soprattutto dalle Parrocchie visitate e in particolare dagli Oratori, in Brianza mediamente buone realt che possono essere interpretate come strutture ricettive e di socialit di primo livello.
    • E in tal senso necessaria una sinergia pubblico-privato e religioso , con anche il coinvolgimento di altri sodalizi rilevanti.
    Il Cammino di SantAgostino
  • 13.
    • Le opportunit
    • - Elevata raggiungibilit e accessibilit da Milano e da altre regioni italiane grazie alle risorse di trasporto pubblico esistenti;
    • Incentivo nella realizzazione di strutture di accoglienza di tipo Bed and Breakfast, ancora poco diffuse sul territorio brianzolo e incentivo a soluzioni di tipo agrituristico, ostelli della giovent e/o del pellegrino;
    • - Valorizzazione di una tipologia di turismo (quello del pellegrinaggio a piedi), che coniuga laspetto della sostenibilit con quello della permanenza lunga . Un turismo non mordi e fuggi, ma che garantisca una fruibilit di maggior durata e in quanto tale di alto valore aggiunto, per una favorevole prospettiva di lungo periodo per il turismo e leconomia dei servizi in Brianza.
    Il Cammino di SantAgostino
  • 14.
    • Iniziative previste e ipotizzate
    • Realizzazione di una Guida al Cammino entro la fine del 2008;
    • Marcatura fisica del percorso per la guida e il supporto del pellegrino;
    • Coordinamento alla realizzazione della credenziale del pellegrino , da obliterare presso ciascuno dei venticinque Santuari;
    • Coordinamento del la promozione a livello turistico sovraprovinciale e in particolare in opportuno raccordo con la Arcidiocesi di Milano,
    • I dentificazione, censimento e incremento delle strutture ricettive ;
    • Garanzia di un presidio stabile del Cammino , che garantisca, nel tempo, lefficacia di valorizzazione turistica delliniziativa proposta .
    Il Cammino di SantAgostino
  • 15. Obiettivo a tendere f ar e in modo che il Cammino di SantAgostino divent i elemento di richiamo e di valorizzazione per un territorio, quale quello brianzolo, che necessita pi che mai di elementi di apertura per le sue potenzialit turistiche, a livello italiano ma anche e soprattutto a livello europeo e mondiale. Il Cammino di SantAgostino
  • 16. 1 giorno Prima tappa Il Santuario della Madonna della Misericordia a Vedano al Lambro XVI secolo.
  • 17. 1 giorno Prima tappa Punti di interesse storico e turistico Il Parco di Monza LAutodromo di Monza il pi grande parco il pi veloce e uno dei pi cintato dEuropa. antichi autodromi al mondo.
  • 18. 1 giorno Seconda tappa Il Santuario della Madonna del Borgo a Lissone XIII secolo.
  • 19. 1 giorno Seconda tappa Punti di interesse storico e turistico Palazzo Terragni. Costituisce un notevolissimo esempio di architettura razionalista. stato cos denominato dal nome dellarchitetto progettista brianzolo di Meda, Giuseppe Terragni. Museo dArte Contemporanea. Fra gli artisti presenti si ritrovano opere di Birolli, Morlotti, Moreni, Vedova, Schifano. Una sezione dedicata all'opera di Gino Meloni, lissonese fondatore del Premio Lissone.
  • 20. 1 giorno Terza tappa Il Santuario di Santa Maria Assunta in Rancate di Triuggio XVI secolo Anno 1507 La chiesa-museo della Brianza.
  • 21. 1 giorno Terza tappa Punti di interesse storico e turistico Il Borgo di Canonica Il Monza-Molteno-Lecco villaggio medioevale il mezzo pi comodo sulle rive del Lambro. per visitare la verde Brianza.
  • 22. 2 giorno Quarta tappa Il Santuario della Madonna di Santa Valeria a Seregno. XIX secolo.
  • 23. 2 giorno Quinta tappa Il Santuario della Madonna del Pellegrino a Desio. Seconda met del XX secolo.
  • 24. 2 giorno Quinta tappa Punti di interesse storico e turistico La torre del Barbarossa a Seregno La torre detta del Barbarossa poich si ritiene per antica tradizione che sia stata qui voluta dallImperatore Federico I di Svevia, per essere utilizzata militarmente come punto strategico di avvistamento dei nemici lungo la direttrice Como-Milano, al tempo delle lotte medioevali con i ribelli Comuni lombardi.
  • 25. 2 giorno Sesta tappa Il Santuario di Santa Maria della Frasca a Cesano Maderno. XIV secolo.
  • 26. 2 giorno Sesta tappa Punti di interesse storico e turistico Villa Tattoni-Traversi a Desio Villa di delizia che rivaleggia con la Villa Reale di Monza in quanto a stile e rigore neoclassico: fu ricostruita nel Settecento su un antico convento francescano. Il progetto fu affidato all'architetto Giuseppe Piermarini (ben noto come progettista della Villa Reale di Monza e della Scala di Milano).
  • 27. 3 giorno Settima tappa Il Santuario della Madonna della Neve a Cucciago. XII secolo.
  • 28. 3 giorno Settima tappa Punti di interesse storico e turistico Villa Arese-Borromeo Villa Antoni Traversi a Meda il gioiello architettonico il salotto architettonico di Cesano Maderno in piazza Vittorio Veneto.
  • 29. 3 giorno Ottava tappa Il Santuario della Madonna dei Miracoli a Cant. XVII secolo.
  • 30. 3 giorno Ottava tappa Punti di interesse storico e turistico La memoria di S. Arialdo Il tombolo a fuselli a Cant lunico Santo brianzolo artigianato di Borgogna: nel calendario pizzo e merletto brianzoli
  • 31. 4 giorno Nona tappa Il Santuario della Madonna di Rogoredo di Alzate Brianza. XVI secolo.
  • 32. 4 giorno Nona tappa Punti di interesse storico e turistico San Vicenzo in Galliano Il lago di Montorfano il Romanico millenario specchio dacqua sorgiva alle porte di Cant. della Brianza occidentale.
  • 33. 5 giorno Decima tappa Il Santuario di Santa Maria della Noce a Inverigo. XVI secolo.
  • 34. 5 giorno Decima tappa Punti di interesse storico e turistico Villa Crivelli a Inverigo Il mercato dei bachi da seta il Viale dei Cipressi cavalee e bigatt, pi bello dItalia. patrimonio della Brianza.
  • 35. 5 giorno Undicesima tappa Il Santuario di nostra Signora di Lourdes a Monguzzo. XVI secolo.
  • 36. 5 giorno Undicesima tappa Punti di interesse storico e turistico La tenuta di Pomelasca Nel 1590, per matrimonio di donna Agnese Ciocca Con Luigi Squarcia di Giussano, Pomelasca pass in propriet di questultima famiglia e a lei rimase fino al 1786, anno in cui donna Fulvia, la port in dote al conte Cesare Sormani.
  • 37. 6 giorno Dodicesima tappa Il Santuario della Madonna di San Calocero A Caslino dErba. XI secolo.
  • 38. 6 giorno Dodicesima tappa Punti di interesse storico e turistico Lex Convento di San Salvatore a Caslino dErba Costruito in un luogo dalla posizione invidiabile con magnifica vista sulla Brianza e sulla pianura lombarda, l'eremo di San Salvatore un ex-convento di Cappuccini, fondato a Caslino d'Erba nell'anno 1536 per volont del nobile Don Leone Tarpani. La chiesa, consacrata nel 1562, ha al suo interno un bell'affresco della Crocifissione di Nichelino da Bezzo che datato 1490.
  • 39. 7 giorno Tredicesima tappa Il Santuario della Madonna del Latte a Valmadrera. XII secolo.
  • 40. 7 giorno Tredicesima tappa Punti di interesse storico e turistico San Miro a Canzo San Tomaso a Valmadrera il Santo dellacqua la magia dellalpeggio delle fonti di Gajum nel cuore della Brianza
  • 41. Il Santuario della Madonna del Latte a Valmadrera. XVI secolo. 8 giorno Quattordicesima tappa
  • 42. Punti di interesse storico e turistico San Pietro al Monte, Civate San Pietro al Monte si presenta come un edificio in pietra grigia, in una conca a prato sul versante est del Cornizzolo, miracolosamente rimasto inalterato senza alcuna deturpazione degli affreschi interni, che stanno a testimoniare la fede e il rigore comunitario ecumenico dei monaci benedettini che vi risiedevano fin dall'Alto Medioevo. 8 giorno Quattordicesima tappa
  • 43. 9 giorno Quindicesima tappa Il Santuario di Santa Maria Nascente di Bevera XVI secolo.
  • 44. 9 giorno Quindicesima tappa Punti di interesse storico e turistico Il Parini a Bosisio San Giorgio a Annone paese del poeta la chiesa che nasconde del Giovin Signore il segreto del Codice da Vinci
  • 45. 9 giorno Quindicesima tappa Punti di interesse storico e turistico La limonera di Monticello S. Salvatore a Barzan lammirabile vista il Romanico bizantino preferita da Stendhal avvolto nel mistero
  • 46. Il Santuario Santuario della Madonna di Czestochowa a Dozio di Valgreghentino. XX secolo. 10 giorno Sedicesima tappa
  • 47. Punti di interesse storico e turistico Il borgo di Ravellino a Colle Brianza Se la costiera amalfitana ha la sua stupenda Ravello, citt dellarmistizio con vista mozzafiato a picco sopra Amalfi, i brianzoli hanno la pi modesta, ma per questo non meno seducente frazione di Ravellino, a strapiombo sulla pianura nord-briantea nel Comune di Colle Brianza, pi noto a tutti per il famoso Campanone . 10 giorno Sedicesima tappa
  • 48. Il Santuario di Santa Maria della Rocchetta a Airuno XIV secolo 10 giorno Diciassettesima tappa
  • 49. Punti di interesse storico e turistico La follia di Consonno Consonno era un grumo di case contadine in collina, un piccolo cammeo rurale tra castagneti, querceti e robinie: diventato un luogo simbolo del degrado edilizio, laddove la follia umana si rudemente esplicitata negli anni '60 in unarea che una volta era verde incontaminato. 10 giorno Diciassettesima tappa
  • 50. Il Santuario della Madonna del Sasso di Colle Brianza. XVI secolo. 11 giorno Diciottesima tappa
  • 51. Punti di interesse storico e turistico Il Convento di San Genesio Cappella Sancti Genexi in monte Soma : questa la prima citazione del luogo sacro in un documento notarile, che risale al 950. Probabilmente gi in epoca proto- cristiana i fedeli di quella nuova religione, per cancellare il ricordo delle antiche credenze pagane, costruirono in posizione elevata una prima costruzione dedicata a San Genesio. 11 giorno Diciottesima tappa
  • 52. Il Santuario della B. Vergine del Carmelo di Montevecchia. XVI secolo. 11 giorno Diciannovesima tappa
  • 53. Punti di interesse storico e turistico Il borgo di Campsirago Dal nome originario latino Campi Sirati , ossia terreni coltivati e dotati di silos, sintuisce molto facilmente come sia pi che millenaria la tradizione agricola di questo centro. Molto probabilmente la piccola comunit che l vi risiedeva conservava i cibi e raccolti in questi depositi (forse anche sotterranei) e poteva cos essere autosufficiente in tutte le sue necessit, anche durante la gelida stagione invernale 11 giorno Diciannovesima tappa
  • 54. Il Santuario Santa Maria Nascente di Merate. XV secolo. 12 giorno Ventesima tappa
  • 55. Punti di interesse storico e turistico Il parco del Curone Il Parco si estende per una superficie di circa 2350 ettari e interessa i seguenti dieci Comuni della zona: Cernusco Lombardone, Lomagna, Missaglia, Montevecchia, Olgiate Molgora, Osnago, Perego, Rovagnate, Sirtori e Vigan. Questo Parco, se pur di ridotte dimensioni, una preziosa risorsa verde per la zona. 12 giorno Ventesima tappa
  • 56. Il Santuario Della Madonna del Bosco di Imbersago XVI secolo. 12 giorno Ventunesima tappa
  • 57. Punti di interesse storico e turistico La Divina Proporzione nella Chiesa di Arlate 12 giorno Ventunesima tappa
  • 58. 13 giorno Ventiduesima tappa Il Santuario Della Madonna della Rocchetta Di Paderno dAdda XIII secolo .
  • 59. 13 giorno Ventiduesima tappa Punti di interesse storico e turistico Il traghetto di Imbersago Il ponte di Paderno dAdda il genio di Leonardo architettura in ferro sulle rive dellAdda di fine Ottocento
  • 60. 13 giorno Ventitreesima tappa Il Santuario della Madonna del Lazzaretto di Ornago. XVII secolo.
  • 61. 13 giorno Ventitreesima tappa Punti di interesse storico e turistico Le centrali idroelettriche sullAdda Nel percorrere il Cammino lungo lalzaia dellAdda ci simbatte in due antiche centrali idroelettriche, la Bertini e la Esterle tuttora funzionanti, che insieme rappresentano uno dei migliori esempi di architettura industriale della Lombardia.
  • 62. 14 giorno Ventiquattresima tappa Il Santuario della Madonna del Rosario di Vimercate XV secolo.
  • 63. 14 giorno Ventiquattresima tappa Punti di interesse storico e turistico Il ponte di Vimercate Il convento di Oreno sul torrente Molgora, ledificio religioso simbolo della citt fondato da S. Francesco
  • 64. 14 giorno Venticinquesima tappa Il Santuario di Santa Maria delle Grazie di Monza XIII secolo.
  • 65. 14 giorno Venticinquesima tappa Punti di interesse storico e turistico S. Maria in Strada Il Duomo di Monza gioiello incastonato cuore religioso nel centro di Monza della Citt Regia
  • 66. 14 giorno Venticinquesima tappa Punti di interesse storico e turistico Il Museo del Duomo La Villa Reale di Monza il tesoro di Teodolinda il capolavoro del Piermarini nascosto nel sottosuolo per tre dinastie reali
  • 67. Il Cammino di SantAgostino www.camminodiagostino.it Monza, 7 novembre 2008
Popular Tags:

Click here to load reader

Reader Image
Embed Size (px)
Recommended