+ All Categories
Home > Sports > Il cdc a modo mio di agostino roncallo seconda parte

Il cdc a modo mio di agostino roncallo seconda parte

Date post: 28-Nov-2014
Category:
Upload: alfredo-huertas
View: 11,416 times
Download: 7 times
Share this document with a friend
Description:
 
of 245 /245
Copyrigth 2013 All rigths reserved. Testi e foto di Agostino Roncallo. Nessuna parte può essere utilizzata in qualunque forma, riprodotta o memorizzata senza autorizzazione scritta dell’Autore. Il CDC a modo mio Seconda parte. Giuseppina Volendo ottenere una imitazione di effimera simile alla Mirage, ma ancora più piccola, pensai di utilizzare, in alternativa all’intera hackle , un semplice ciuffetto di barbe e, dopo diversi tentativi, misi a punto il montaggio di un artificiale a cui diedi il nome di mia sorella. Per costruire la Giuseppina si impiega un ciuffetto di barbe che vengono recise dalla rachide di una hackle di CDC. Si può compiere questa operazione usando solo le mani, ma, per agevolare chi ha difficoltà a manipolare le barbe di CDC, consiglio l’impiego di un attrezzo che tutti si possono costruire utilizzando una striscia di foam di sezione quadra, spessa almeno un centimetro e lunga a seconda dell’uso che se ne vuole fare; in pratica un parallelepipedo con due basi quadre e quattro facce rettangolari. Possiamo procurarci parallelepipedi di foam di varie lunghezze: quelli più corti serviranno per ottenere ciuffetti di barbule manipolabili con le dita, quelli più lunghi ci serviranno per preparare le barbe necessarie per creare dubbing ad asola.
Transcript
Page 1: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Copyrigth 2013 All rigths reserved. Testi e foto di Agostino Roncallo. Nessuna parte può essere utilizzata in qualunque forma, riprodotta o memorizzata senza autorizzazione scritta dell’Autore. Il CDC a modo mio Seconda parte.

Giuseppina Volendo ottenere una imitazione di effimera simile alla Mirage, ma ancora più piccola, pensai di utilizzare, in alternativa all’intera hackle , un semplice ciuffetto di barbe e, dopo diversi tentativi, misi a punto il montaggio di un artificiale a cui diedi il nome di mia sorella. Per costruire la Giuseppina si impiega un ciuffetto di barbe che vengono recise dalla rachide di una hackle di CDC. Si può compiere questa operazione usando solo le mani, ma, per agevolare chi ha difficoltà a manipolare le barbe di CDC, consiglio l’impiego di un attrezzo che tutti si possono costruire utilizzando una striscia di foam di sezione quadra, spessa almeno un centimetro e lunga a seconda dell’uso che se ne vuole fare; in pratica un parallelepipedo con due basi quadre e quattro facce rettangolari. Possiamo procurarci parallelepipedi di foam di varie lunghezze: quelli più corti serviranno per ottenere ciuffetti di barbule manipolabili con le dita, quelli più lunghi ci serviranno per preparare le barbe necessarie per creare dubbing ad asola.

Page 2: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Dopo aver ricavato, con un bisturi od un cutter, il parallelepipedo da un foglio di foam piuttosto compatto (per questo scopo utilizzo le tessere di un gioco per bambini), pratico una incisione profonda alcuni millimetri lungo una delle facce rettangolari. Eseguo l’incisione dopo aver tracciato con una penna a sfera una linea che divida a metà la faccia del parallelepipedo. La linea tracciata con la penna mi sarà utile per meglio individuare l’incisione. Tenendo una hackle di CDC per la punta e la base, la faccio affondare dentro all’incisione , in modo che le barbe si compattino, le afferro con le dita, le recido a filo della faccia del parallelepipedo ed ho a disposizione il ciuffetto di barbe che mi necessita.

Page 3: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Pratico un’incisione, che divida a metà la faccia di un parallelepipedo di foam.

Page 4: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Prendo una piuma di Cul de Canard e la spingo dentro l’incisione.

Page 5: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Tenendo unite le barbe che escono dall’incisione, le recido a filo della faccia del parallelepipedo.

Page 6: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Il ciuffetto di barbe.

Page 7: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Posiziono le barbe accanto all’occhiello di un amo grub e le fisso in quel punto, in modo da ottenere le ali della mosca.

Page 8: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Tenendo le eccedenze delle barbe delle ali in leggera tensione, avvolgo il filo di montaggio, in piccole spire, intorno ad esse procedendo fino a raggiungere la lunghezza del corpo extended

Page 9: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Torno indietro, con spire di filo di montaggio uguali a quelle precedenti, fino a raggiungere la base delle ali

Page 10: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Passo oltre le ali e, tornando un poco indietro, le verticalizzo. Eseguo la testa della mosca.

Page 11: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Recido le barbe che eccedono dal corpo extended, lasciandone due o tre per imitare le code.

Page 12: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Accorcio le code.

Page 13: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

La mosca finita.

Page 14: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

La Giuseppina si può anche costruire dotata di code di gallo, basta fissare sull’amo due o tre barbe di gallo sull’amo, prima ancora di fissare il ciuffetto di barbe di CDC con cui si costruisce l’imitazione. Per quanto riguarda il suo impiego in pesca, è evidente che si tratta di una imitazione da utilizzare in presenza di bollate, anche sporadiche, e, a mio parere, la sua efficacia è pari a quella della Mirage, con la differenza che la Giuseppina si può costruire anche su ami piccolissimi, come, per esempio, il n°30. Come la Mirage, si costruisce velocemente nella parte del gambo dell’amo immediatamente vicina all’occhiello. In questo modo la maggior parte dell’amo si presenta scoperta sotto l’imitazione, ma i pesci non sembrano farci caso e non è soltanto una mia convinzione; lo dimostrano i fatti.

Page 15: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 16: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 17: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Dittero ali rafia sintetica. A volte mi chiedono dove trovo le idee per costruire le mosche artificiali e la risposta è che continuo a trarre ispirazione dai miei montaggi. Ciò accade perché ho la convinzione che ogni montaggio può essere migliorato e mi piace cercare di concretizzare ogni idea che mi passa per la testa. Tanto per fare un esempio, per cercare di vincere la proverbiale imprevedibilità del temolo, sono costantemente alla ricerca di montaggi che consentano di creare piccole ed esili imitazioni di dittero in modo semplice e veloce. Dopo aver ideato la Giuseppina, vidi la possibilità di creare minuscoli ditteri usando un ciuffetto di barbe di CDC e due piccole strisce di rafia sintetica.

Page 18: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Su un amo grub. Fisso due sottili strisce di rafia sintetica.

Page 19: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Sopra le strisce di rafia fisso un ciuffetto di barbe di CDC, seguendo lo stesso procedimento con cui costruisco la Giuseppina.

Page 20: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Tenendo in tensione le barbe di CDC, avvolgo intorno ad esse il filo di montaggio a spire larghe.

Page 21: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Dopo aver raggiunto la lunghezza del corpo extended, torno indietro, incrociando le spire di filo di montaggio con quelle avvolte in precedenza. Giunto sull’amo. mi fermo e recido l’eccedenza del corpo extended.

Page 22: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Prendo le due strisce di rafia e le rovescio indietro, in modo da dividere nel mezzo il ciuffetto di barbe di CDC.

Page 23: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Fissando le strisce sull’amo, ottengo il torace del dittero.

Page 24: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Passo il filo di montaggio sotto il torace ed eseguo la testa della mosca.

Page 25: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Recido le eccedenze delle ali di rafia.

Page 26: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Mosca finita. Ottima mosca da temoli che, anche se si dispone piatta sull’acqua, riesco ad individuare per l’iridescenza delle ali.

Page 27: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Plecottero extended body. A conferma del fatto che da ogni mia imitazione traggo ispirazione per crearne un’altra, evolvendo il criterio di costruzione del dittero con le ali di rafia, realizzai una imitazione di Plecottero extended body,

Fisso un ciuffetto di barbe di CDC su un amo grub, in modo che sporga oltre l’occhiello.

Page 28: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Nello stesso punto, fisso due biot di tacchino con le punte rivolte verso la curva.

Page 29: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Sopra ai biot, fisso un altro ciuffetto di barbe di CDC.

Page 30: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Tenendo in leggera tensione le barbe di CDC e le punte dei biot, avvolgo intorno ad essi il filo di montaggio, a spire larghe.

Page 31: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Quando raggiungo la lunghezza del corpo extended, torno indietro incrociando le spire di filo con quelle avvolte in precedenza.

Page 32: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Taglio l’eccedenza del corpo extended.

Page 33: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Prendo i biot e li rovescio indietro, sul corpo extended. Compiendo quest’operazione, divido a metà le barbe del ciuffetto superiore di CDC che si dispongono sui lati delle ali a imitazione delle zampe.

Page 34: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Blocco i biot sull’amo, ottenendo il torace della mosca, e mi sposto accanto all’occhiello dell’amo passando sotto al ciuffetto di CDC.

Page 35: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Eseguo la testa, spostandomi verso sinistra in modo da sollevare il ciuffetto di barbe che consente di individuare meglio la mosca in acqua.

Page 36: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

La mosca finita vista da sopra.

Page 37: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 38: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

La mosca vista da sotto.

Page 39: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

I due ciuffetti di CDC montati sotto e sopra le punte dei biot servono per creare il corpo extended, le zampe e le antenne della mosca. I plecotteri di antenne ne hanno due e il ciuffetto di barbe che fisso in testa alla mosca somiglia di più alle antenne di un chironomo che a quelle di un plecottero. Ho sempre costruito le mosche in funzione della pesca, senza dare troppa importanza a certi dettagli anatomici degli insetti; per questo, quando ritengo sia opportuno, non rispetto del tutto le caratteristiche degli insetti che intendo imitare. Quando costruii la prima versione del plecottero, fissai solo il ciuffetto di barbe che serve per creare le zampe e ottenni un’imitazione che era poco visibile in acqua. Fu allora che, per riuscire a vederla, decisi di dotarla di “antenne”. Con lo stesso metodo di montaggio, ma sostituendo i biot di tacchino con due strisce di rafia sintetica, costruisco ditteri molto piccoli, che uso per pescare i temoli. Il montaggio è molto simile a quello del dittero con ali in rafia, con la differenza che ha in più il ciuffetto verticale.

Page 40: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 41: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Effimera Spent Negli anni ottanta, il sistema più usato per costruire le ali di una spent di effimera in CDC consisteva nel sovrapporre due ciuffetti di barbe, le basi di uno sulle punte dell’altro, per poi fissarli, a metà della loro lunghezza, in posizione orizzontale e ortogonale sul gambo dell’amo. Poiché non era facile trovare hackles di CDC con barbe di una certa lunghezza, si riuscivano a costruire agevolmente solo le imitazioni più piccole mentre sorgevano problemi per costruire quelle di dimensioni maggiori. Alcuni pescatori, in alternativa ai ciuffetti, utilizzavano due piccole piume, ma il risultato lasciava a desiderare perché le ali risultavano rigide a causa delle rachidi delle piume che si trovavano nel loro interno. Io, invece, per ottenere le ali di mosche di maggiore taglia, strappavo come di consueto i ciuffetti di barbe dalle hackles, ma, invece di sovrapporli, li fissavo ciascuno su un lato del gambo dell’amo. Il montaggio era un poco laborioso così, quando ideai la Mirage 2, mi resi conto che potevo servirmi del procedimento con cui la costruivo per ottenere la spent in modo più semplice e senza strappare le barbe dalla hackle di CDC.

Page 42: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Sulla curva di un amo diritto, fisso le code e un quill spelato dell’occhio del pavone

Page 43: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Avvolgo il quill intorno al gambo dell’amo e ne taglio l’eccedenza.

Page 44: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Scelgo una hackle di CDC, stiro le barbe lungo la rachide e la fisso accanto all’addome della mosca. Per effetto del fissaggio, le barbe della hackle vengono spinte in avanti, altre l’occhiello dell’amo.

Page 45: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Tenendo con una pinza o con le dita la punta della hackle, stiro le barbe lungo la rachide e le fisso accanto all’occhiello. Compiendo questa operazione, faccio convergere le barbe della punta con le eccedenze di quelle della base, in modo da ottenere le ali della spent.

Page 46: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Taglio l’eccedenza della hackle.

Page 47: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Prendo la base della hackle, la rovescio sopra le barbe delle ali e la fisso accanto all’occhiello.

Page 48: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

L’operazione vista dall’alto.

Page 49: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Taglio l’ eccedenza della hackle.

Page 50: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Eseguo la testa dell’imitazione.

Page 51: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Sollevo le barbe e le taglio per ottenere le ali della spent.

Page 52: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Mosca finita

Page 53: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 54: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 55: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 56: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 57: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Plecottero Utilizzando una hackle di CDC per ottenere torace e le ali, come illustrato nel precedente dressing, creai anche l’imitazione del plecottero.

Blocco nel morsetto un amo diritto e creo il corpo dell’imitazione con alcuni passaggi di filo di montaggio.

Page 58: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Dispongo sopra al corpo due biot di tacchino e li fisso accanto all’occhiello dell’amo.

Page 59: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Recido le eccedenze dei biot.

Page 60: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Nello stesso punto, fisso una hackle di CDC dopo aver stirato le barbe verso la punta.

Page 61: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Tenendo con una pinza o con le dita la punta della hackle, stiro le barbe lungo la rachide e le fisso accanto all’occhiello.

Page 62: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Taglio l’eccedenza della hackle.

Page 63: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Prendo la base della hackle, la rovescio sopra le barbe delle zampe, in modo da dividerle a metà, e la fisso accanto all’occhiello.

Page 64: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Taglio la sua eccedenza.

Page 65: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Eseguo la testa dell’imitazione.

Page 66: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Sollevo le barbe e le taglio per ottenere le zampe della spent.

Page 67: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Con un taglio, stabilisco la lunghezza delle ali.

Page 68: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Mosca finita.

Page 69: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Un’ imitazione vista da sopra.

Page 70: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Vista da sotto.

Page 71: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Spent ali doppie Mentre stavo costruendo la spent, osservando quanto sporgesse oltre l’occhiello dell’amo l’eccedenza della hackle, che avevo rovesciato sopra le barbe imitanti le ali, ebbi un’intuizione: invece di sprecarla recidendola, potevo utilizzarla per ottenere le ali piccole dell’effimera.

Dopo aver fissato le code su un amo diritto e aver costruito l’addome della mosca, scelgo una hackle di CDC di buone dimensioni, stiro le barbe lungo la rachide e la fisso accanto all’addome della mosca. Per effetto del fissaggio, le barbe della hackle vengono spinte in avanti, oltre l’occhiello dell’amo.

Page 72: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Tenendo con una pinza o con le dita la punta della hackle, stiro le barbe lungo la rachide e le fisso accanto all’occhiello. Compiendo questa operazione, faccio convergere le barbe della punta con le eccedenze di quelle della base in modo da ottenere le ali della spent.

Page 73: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Taglio l’eccedenza della hackle che sporge oltre l’occhiello.

Page 74: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Invece di rovesciare la base della hackle sulle ali, inizio a reciderne una parte. Per cominciare taglio il calamo.

Page 75: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Procedo tagliando brevi tratti di rachide, poco per volta. Dopo il taglio iniziale, faccio attenzione a recidere solo la rachide della hackle e non le sue barbe.

Page 76: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Quando vedo che la rachide ha la lunghezza sufficiente per arrivare a filo dell’occhiello dell’amo, prendo la sua estremità, con le pinze, per poterla rovesciare sopra le ali.

Page 77: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

L’operazione vista da sopra.

Page 78: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

L’operazione vista di fianco.

Page 79: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Compiuta l’operazione, fisso la hackle accanto all’occhiello e taglio l’eccedenza.

Page 80: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Eseguo la testa della mosca.

Page 81: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Sollevo le barbe delle ali grandi e stabilisco quale dovrà essere la loro lunghezza recidendone l’eccedenza.

Page 82: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Mosca finita. Questo procedimento permette di utilizzare la parte di hackle che, nel montaggio base, viene recisa appena oltre l’occhiello dell’amo. Lo ideai pensando a una mosca di Maggio spent per poi accorgermi che poteva servire anche per costruire mosche più piccole. L’unico inconveniente, se così lo possiamo definire, è che bisogna utilizzare hackles un poco più grandi di quelle necessarie per il montaggio base.

Page 83: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Plecottero visibile Quando creo una nuova mosca, ne testo l’efficacia in pesca e, per avere più opinioni, mi faccio aiutare dagli amici, spiegando loro come si costruisce e fornendogli qualche artificiale da provare. Seguendo la solita trafila, chiesi il parere degli amici sull’efficacia delle spent di effimera e di plecottero e il loro responso fu che le imitazioni erano valide, ma scarsamente visibili. Anch’io avevo avuto delle difficoltà a individuarle in acqua, per cui, pur essendo consapevole che è il fly tyer che deve adeguare la struttura degli artificiali alle esigenze dei pesci e non alle sue, cercai la maniera per rendere più visibili le mosche. Riuscii nel mio intento usando l’accorgimento di recidere progressivamente la hackle sporgente oltre l’occhiello dell’amo, come descritto nel precedente montaggio. Per primo, vi propongo il dressing del plecottero.

Page 84: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Blocco nel morsetto un amo diritto e, dopo aver creato il corpo dell’imitazione con alcuni passaggi di filo di montaggio sul gambo, gli fisso sopra due biot di tacchino che rappresentano le ali del plecottero.

Page 85: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Nello stesso punto, fisso una hackle di CDC dopo aver stirato le barbe verso la punta.

Page 86: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Tenendo con una pinza o con le dita la punta della hackle, stiro le barbe lungo la rachide e le fisso accanto all’occhiello.

Page 87: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Taglio l’eccedenza della hackle che sporge oltre l’occhiello.

Page 88: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Prendo la base della hackle, la rovescio sopra le barbe delle ali e la fisso accanto all’occhiello.

Page 89: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Inizio a tagliare l’eccedenza della hackle recidendola poco per volta, facendo attenzione a tagliare solo la rachide e non le barbe.

Page 90: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Taglio solo la rachide, non le barbe.

Page 91: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Quando giungo a filo dell’occhiello dell’amo, fisso ciò che rimane della rachide sull’amo ed elimino l’eccedenza

Page 92: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Verticalizzo le barbe ed eseguo la testa dell’imitazione.

Page 93: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Sollevo le barbe e le taglio per ottenere le zampe della spent.

Page 94: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Con un taglio, stabilisco la lunghezza delle ali.

Page 95: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Mosca finita

Page 96: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 97: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Effimera spent visibile Per rendere visibile anche l’imitazione dell’effimera, avrei potuto seguire lo stesso procedimento usato per il plecottero, ma pensai che un ciuffo di barbe poste verticali davanti al torace della mosca non fosse compatibile con l’imitazione di una spent di effimera. Sarebbe stato meglio posizionare il ciuffetto segnalatore dietro al torace: avrebbe svolto lo stesso la sua funzione e i pesci, che osservano le imitazioni dal basso, lo avrebbero potuto scambiare per le ali piccole dell’effimera. Tenendo conto di queste considerazioni, creai il montaggio della spent visibile.

Page 98: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Su un amo diritto, fisso le code in barbe di gallo e creo l’addome della mosca.

Page 99: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Accanto all’addome, fisso una hackle di CDC seguendo lo stesso procedimento con cui si costruisce la spent.

Page 100: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

.

Nello stesso punto, fisso una striscia di rafia sintetica a metà della lunghezza.

Page 101: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Mi sposto accanto all’occhiello con il filo di montaggio.

Page 102: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Tenendo in tensione la punta della hackle, stiro le barbe lungo la rachide e la fisso accanto all’occhiello dell’amo.

Page 103: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Taglio l’eccedenza della punta della hackle.

Page 104: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Rovescio le due metà della striscia di rafia sulle ali e le fisso accanto all’occhiello.

Page 105: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Taglio le eccedenze della striscia sintetica.

Page 106: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Eseguo la testa della mosca.

Page 107: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Inizio a tagliare la hackle, partendo dal calamo.

Page 108: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Dopo il primo taglio, procedo tagliando solo la rachide, spostando indietro le barbe recise in precedenza.

Page 109: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Continuo il procedimento fino a eliminare del tutto la rachide, salvando le barbe che formano il ciuffetto che consente di vedere la mosca in acqua.

Page 110: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Pareggio la lunghezza delle barbe.

Page 111: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Mosca finita vista da sopra.

Page 112: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Mosca vista di fianco

Page 113: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Spent visibile 2

Per creare il torace e dividere le barbe imitanti le zampe della spent, usai la rafia sintetica perché è leggerissima, non assorbe acqua e mi permise di ottenere un’imitazione particolarmente esile, ma, per chi preferisce i materiali naturali, vi mostro come è possibile ottenere un buon risultato utilizzando due hackles di CDC invece che una. La differenza fra le due imitazioni consiste nel fatto che quest’ultima, in controluce, ha le ali meno trasparenti della precedente.

Page 114: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Dopo aver fissato sulla curva di un amo diritto le code e aver costruito il corpo della mosca, fisso due hackles di CDC sovrapposte, in corrispondenza del torace.

Page 115: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Tenendo in tensione le punte delle hackles, stiro le loro barbe lungo le rachidi e le fisso sull’amo.

Page 116: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Recido le eccedenze delle hackles.

Page 117: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Rovescio una hackle sulle barbe, in modo da dividerle a metà, e la fisso accanto all’occhiello dell’amo.

Page 118: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Recido l’eccedenza della hackle.

Page 119: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Eseguo la testa della mosca.

Page 120: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Recido il calamo della seconda hackle.

Page 121: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Continuo a tagliare sezioni di hackle cercando di recidere solo la rachide e non le barbe.

Page 122: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Tolgo la mosca dal morsetto e, con un taglio, determino la lunghezza delle ali.

Page 123: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Mosca finita

Page 124: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 125: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Mosca vista di fianco

Page 126: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Mosca vista da sotto.

Page 127: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Effimera spent visibile 3 Ho una naturale predisposizione all’essenzialità, per cui, qualche tempo dopo aver ideato la spent visibile, mi accorsi che potevo ottenere un risultato simile fissando accanto alle ali, in alternativa alla striscia di rafia sintetica o alle due hackles di CDC, una barba di pavone che, incrociata a otto fra le ali, serviva per creare il torace della mosca. Inoltre, sempre in nome dell’essenzialità, mi accorsi che, per ottenere lo spot che rende visibile la mosca, bastava recidere la hackle con un taglio.

Page 128: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Dopo aver fissato sulla curva di un amo diritto le code ed aver costruito l’addome dell’imitazione, fisso una hackle di CDC seguendo lo stesso procedimento con cui si costruisce la spent.

Page 129: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Tenendo con una pinza o con le dita la punta della hackle, stiro le barbe lungo la rachide e le fisso accanto all’occhiello.

Page 130: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Taglio l’eccedenza della hackle che sporge oltre l’occhiello.

Page 131: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Fisso una o più barbe di pavone (la quantità delle barbe dipende dalle dimensioni della mosca) accanto alle ali.

Page 132: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Per ottenere il torace della mosca, le incrocio a otto fra le ali, le fisso accanto all’occhiello e ne taglio l’eccedenza.

Page 133: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Eseguo le testa della mosca.

Page 134: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Con un taglio unico, recido l’eccedenza della hackle lasciandone una parte per rendere visibile l’imitazione.

Page 135: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Mosca finita, vista da sopra

Page 136: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Mosca finita vista di fianco.

Page 137: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Una imitazione simile vista da sotto.

Page 138: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 139: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

CDC Sedge & Stone fly Utilizzando ancora una volta l’accorgimento di tagliare progressivamente l’eccedenza della hackle per liberarne le barbe, ideai un montaggio di semplice esecuzione, con cui si possono ottenere sia l’imitazione della Sedge, sia quella della Stone fly.

Sulla curva di un amo diritto, fisso un tinsel e preparo un dubbing per ottenere il corpo della mosca.

Page 140: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Dopo aver realizzato il corpo in dubbing avvolgo intorno ad esso il tinsel a spire larghe.

Page 141: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Recido l’eccedenza del ribbing.

Page 142: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Scelgo due hackle di CDC di uguale misura.

Page 143: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Stiro le loro barbe verso le punte e le fisso sui due lati dell’estremità del corpo, in modo che le punte sporgano oltre la curva dell’amo e le basi oltre l’occhiello dell’amo. Le fisso sul corpo disposte a tetto , nella tipica posizione delle ali di tricottero.

Page 144: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Inizio a tagliare poco per volta le rachidi delle piume, facendo attenzione a non tagliare anche le barbe.

Page 145: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Procedo in questo modo fino ad arrivare sull’occhiello dell’amo.

Page 146: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Operazione conclusa.

Page 147: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Fisso le rachidi sull’amo ed eseguo la testa dell’imitazione.

Page 148: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Mosca finita.

Page 149: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 150: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 151: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Con lo stesso montaggio, ma fissando le hackles delle ali sovrapposte sopra il corpo, si ottiene l’imitazione del plecottero.

Page 152: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 153: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

CDC Humpy Per creare questa imitazione, mi servii, di quelle hackle di CDC che, non avendo le barbe del tutto integre, non erano adatte per costruire la Mirage. Come vedrete nelle foto del dressing, a parte il rovesciamento della hackle sopra il corpo dell’imitazione, da cui deriva il nome Humpy, anche se la mosca non ha la gobba, il processo di realizzazione è lo stesso della Mirage, dove si fanno convergere le barbe della hackle di CDC nel punto in cui si vogliono creare le ali. Come per il montaggio della Mirage, si comincia a realizzare la Humpy formando un extended body, ma in questo caso non importa se non risulta perfetto perché serve solo per poter fissare la hackle sul gambo dell’amo ed ottenere nel contempo le code. Volendo, si può dotate la Humpy di code in barbe di hackle di gallo od altro materiale idoneo. In questo caso, non serve creare l’extended body con la hackle di CDC, la si fissa semplicemente sulla curva dell’amo, dove in precedenza abbiamo fissato le code, e la si rovescia sopra il corpo dell’imitazione come descritto in precedenza

Page 154: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Prendo una hackle di CDC, stiro le sue barbe lungo la rachide, partendo dalla punta verso la base, con lo stesso procedimento con cui ottengo il corpo extended della Mirage.

Page 155: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Fisso questa sorta di extended body sul gambo di un amo diritto.

Page 156: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Elimino la punta della hackle e mi sposto con il filo di montaggio lungo il gambo dell’amo finché non giungo nel punto in cui dovranno essere realizzate le ali dell’imitazione.

Page 157: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Continuando a stirare verso la base della hackle le sue barbe, la rovescio sopra il gambo dell’amo per bloccarla nel punto in cui mi ero fermato con il filo di montaggio.

Page 158: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Tenendo, con le dita o una pinzetta, la base della hackle, stiro le barbe con le dita per fissarle accanto all’occhiello dell’amo.

Page 159: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Consolido il fissaggio con qualche giro di filo di montaggio e recido l’eccedenza della hackle che sporge oltre l’occhiello

Page 160: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Eseguo la testa della mosca e accorcio le barbe più lunghe delle ali.

Page 161: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Mosca finita.

Page 162: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 163: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 164: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Questo essenziale modello di mosca imita molto bene le emergenti di effimera e le dun che poggiano con tutto il corpo sull’acqua. Se le imitazioni vengono costruite utilizzando hackles di colore grigio, oliva o marrone, possono imitare efficacemente diverse specie di effimere.

Page 165: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Humpy calamo reciso progressivamente Una norma a tutti nota, ma che pochi seguono, io per primo, dice che una mosca che funziona non si deve modificare. La Humpy in CDC si rivelò un’imitazione così efficace che non ebbi difficoltà a uniformarmi alla norma appena citata fino al giorno in cui ideai la spent di effimera e, in particolare, la versione visibile. Vidi nell’accorgimento di recidere progressivamente l’eccedenza della hackle, la possibilità di aggiungere volume alle ali della Humpy. Tengo a precisare che considero il dressing che propongo una variante al montaggio base che ritengo perfetto così com’è.

Page 166: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Prendo una hackle di CDC, stiro le sue barbe lungo la rachide, partendo dalla punta verso la base, e fisso questo extended body sul gambo di un amo diritto.

Page 167: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Elimino la punta della hackle e mi sposto con il filo di montaggio lungo il gambo dell’amo finché non giungo nel punto in cui dovranno essere realizzate le ali dell’imitazione.

Page 168: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Continuando a stirare verso la base della hackle le sue barbe, la rovescio sopra il gambo dell’amo per bloccarla nel punto in cui mi ero fermato con il filo di montaggio.

Page 169: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Tenendo, con le dita o una pinzetta, la base della hackle, stiro le barbe con le dita per fissarle accanto all’occhiello dell’amo.

Page 170: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Invece di recidere eccedenza della hackle, taglio progressivamente la sua rachide in piccole porzioni, evitando di tagliare anche le barbe.

Page 171: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Procedo così fino all’occhiello dove fisso la rachide e incrocio il filo di montaggio intorno alla base delle ali.

Page 172: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Recido l’eccedenza della rachide.

Page 173: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Eseguo la testa della mosca e pareggio le barbe delle ali.

Page 174: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Mosca finita. Questa variante al montaggio della Humpy mi permette di ottenere imitazioni accettabili anche se utilizzo hackles di scarsa qualità, con barbe rade e danneggiate dalla tintura.

Page 175: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 176: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Se, prima di iniziare a costruire la Humpy, si fissa sulla curva dell’amo un ciuffetto di poly o altri filati sintetici, si ottiene l’imitazione di una ninfa emergente con esuvia.

Page 177: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Queste imitazioni danno buoni risultati a inizio schiusa tanto che le alterno nell’utilizzo con una mosca mitica: la Peute di Bresson.

Page 178: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 179: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Sedge due hackles calami recisi Dopo le effimere, gli insetti più importanti per la pesca a mosca sono sicuramente i tricotteri. Ritengo che il loro inconfondibile aspetto agevoli i costruttori che intendono imitarli e che il loro comportamento sia vantaggioso per chi ne usa le imitazioni. Non c’è pescatore che non le faccia pattinare sull’acqua ben sapendo che questo modo di utilizzarle può risultare efficacissimo. Quello che chiedo a un’imitazione di tricottero è di scivolare leggera sull’acqua e quale materiale consente di ottenere quello che desidero meglio del CDC? L’imitazione che vi propongo si ottiene utilizzando due hackles di CDC, ma il principio di costruzione è lo stesso di quella precedente.

Page 180: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Sulla curva di un amo diritto, fisso per le punte, due hackles di CDC di uguale misura.

Page 181: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Taglio le punte delle hackles.

Page 182: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Fisso sulla curva un tinsel e creo un dubbing sul filo di montaggio.

Page 183: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Con il dubbing, formo il corpo della sedge, intorno al quale avvolgo il tinsel a spire larghe.

Page 184: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Taglio l’eccedenza del tinsel.

Page 185: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Prendo una hackle per la base, stiro le sue barbe verso la punta, la rovescio in avanti,su un fianco del corpo, e la fisso sull’amo.

Page 186: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Compio le stesse operazioni con l’altra hackles. A questo punto, le due hackles sono disposte sul corpo come le ali del tricottero.

Page 187: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Quando scelgo le hackles per il montaggio, calcolo che dovranno sporgere per un buon tratto oltre l’occhiello dell’amo. Inizio a reciderle poco per volta, nel solito modo, e, quando raggiungo l’occhiello, le fisso sull’amo.

Page 188: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Recido le eccedenze dei calami.

Page 189: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Spostandomi verso sinistra con il filo di montaggio, unisco le barbe risultanti dal taglio delle rachidi con le altre ed eseguo la testa della mosca.

Page 190: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Mosca finita.

Page 191: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Con il procedimento di montaggio descritto nel dressing, ho costruito dei piccoli streamers che considero la versione in CDC del Muddler Minnow.

Page 192: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 193: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Sedge extended body Un tempo, si costruivano le mosche con corpo extended senza tener alcun conto dell’elasticità degli artificiali. Presumo che ciò accadesse perché i primi extended body furono la risposta migliorativa nei confronti degli ami dotati di un’appendice metallica, su cui veniva costruito il corpo della mosca. Fissando sulla curva di un amo la robusta rachide di una piuma, si otteneva un corpo extended ugualmente rigido, ma almeno più leggero. In seguito, i fly tyers uscirono da questo schema, costruendo corpi extended più elastici. Per quanto mi riguarda, ho sempre dato grande importanza all’elasticità delle mosche e tutte le volte che costruisco artificiali con il corpo extended, mi preoccupo di fornirli di questa caratteristica. La sedge che vi propongo è la versione extended body della sedge del precedente capitolo, realizzata tenendo conto del fattore elasticità.

Page 194: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Sui lati opposti del gambo di un amo grub, fisso le punte di due hackles di CDC.

Page 195: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Nello stesso punto, fisso un cordoncino di micro ciniglia o di un altro filato indicato per costruire il corpo extended.

Page 196: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Tenendo il tensione le hackles e il cordoncino, avvolgo intorno ad essi il filo di montaggio a spire larghe.

Page 197: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Quando raggiungo la lunghezza che intendo dare al corpo, mi fermo e torno indietro incrociando le spire di filo con quelle avvolte in precedenza.

Page 198: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Tenendo in tensione le due hackles, avvolgo il cordoncino intorno alle loro punte, a spire serrate, fino a raggiungere l’amo, dove lo fisso e ne taglio l’eccedenza.

Page 199: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Rovescio le due hackles in avanti, lungo il corpo e le fisso sull’amo, una per volta, dopo aver stirato indietro le loro barbe.

Page 200: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Operazione conclusa.

Page 201: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Taglio le eccedenze delle hackles.

Page 202: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Eseguo la testa dell’imitazione

Page 203: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Raccolgo le barbe con le dita, stabilisco quanto dovranno essere lunghe le ali e recido quelle che eccedono.

Page 204: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Mosca finita.

Page 205: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 206: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 207: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 208: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 209: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Sedge corpo extended calami legati Per chiudere la parte che tratta le imitazioni di tricottero, desidero proporvi un montaggio realizzabile con tre hackles di CDC.

Sui lati opposti del gambo di un amo grub, fisso due hackles di CDC, con le parti convesse delle piume a contatto con il gambo. Le fisso in modo che sporgano oltre la curva per un tratto sufficiente a creare il corpo extended della sedge.

Page 210: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Tenendo in leggera tensione le basi appaiate delle due hackles, avvolgo intorno ad esse il filo di montaggio, a spire larghe, fino a determinare la lunghezza del corpo extended.

Page 211: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Torno indietro, incrociando le spire di filo di montaggio con quelle avvolte in precedenza. Giunto sull’amo, mi fermo e taglio le eccedenze del corpo extended.

Page 212: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Rovescio indietro, a coprire il corpo extended, le parti restanti delle due piume. Dopo aver disposto le due hackles a tetto sul corpo, le blocco sull’amo in quella posizione.

Page 213: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Nel tratto di amo rimasto libero, fisso una hackle di CDC e la avvolgo intorno al gambo.

Page 214: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Fisso la punta della hackle accanto all’occhiello e ne recido l’eccedenza.

Page 215: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Eseguo la testa.

Page 216: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

La mosca è finita.

Page 217: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 218: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Essendo il corpo extended formato da due hackles fissate sull’amo per le rachidi, il procedimento con cui si costruisce potrebbe sembrare in contraddizione con il principio dell’elasticità da me citato nel precedente capitolo. Le hackles però sono fissate sull’amo dal lato (la punta) dove le rachidi sono più sottili e questo fornisce al corpo di un minimo di elasticità che, comunque, è garantita dalle ali, poste lungo i lati dell’imitazione.

Page 219: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Midge extended body Dopo aver costruito la Sedge con il corpo extended formato dai calami delle hackles legati assieme, pensai che, costruendo l’imitazione su ami piccoli, avrei ottenuto una impressionistica imitazione di Chironomo.

Su un amo grub, fisso per la punta una hackle di CDC, in modo che sporga abbondantemente oltre l’occhiello.

Page 220: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Nello stesso punto, fisso due hackles di CDC, sui lati opposti dell’amo, con le punte rivolte verso l’occhiello. Rovesciando le punte indietro, otterrò in seguito le ali dell’imitazione quindi, nel fissarle, devo tenere conto della loro lunghezza.

Page 221: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Tenendo in tensione le basi delle hackles, avvolgo intorno ad esse il filo di montaggio a spire larghe. Quando raggiungo la lunghezza che voglio dare al corpo extended, torno indietro, incrociando le spire di montaggio con quelle avvolte in precedenza.

Page 222: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Giunto sul gambo, taglio l’eccedenza del corpo extended e rovescio indietro le due punte delle hackles, che blocco sull’amo.

Page 223: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Fissando le due punte delle hackles sull’amo ottengo le ali e il torace dell’imitazione. Passo sotto il torace con il filo di montaggio e mi fermo accanto all’occhiello. Inizio a recidere la hackle, partendo dal calamo, e proseguo tagliando la rachide, ma non le barbe.

Page 224: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Alzo le barbe che ho liberato recidendo progressivamente la hackle e taglio l’eccedenza della rachide.

Page 225: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Eseguo la testa della mosca.

Page 226: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Pareggio la lunghezza del ciuffetto di barbe.

Page 227: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Mosca finita.

Page 228: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 229: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 230: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

L’imitazione proposta nel dressing, è costruita su un amo del n° 16. Ho usato un amo più grande del solito per mostrare meglio le fasi del montaggio, ma , quando costruisco le mosche da pesca, utilizzo ami del n° 18, 20 e 22. Il motivo per cui fisso sull’amo la prima hackle per la punta è di ordine pratico: in precedenza montai la hackle con la punta che sporgeva oltre l’occhiello, ma quando venne il momento di rovesciare indietro due punte per creare le ali, ebbi difficoltà a compiere l’operazione perché le barbe delle tre punte di hackles erano indistinguibili l’una dall’altra. Fissando sull’amo la prima hackle nel verso contrario alle altre due, posso compiere l’operazione senza problemi. Questa imitazione è uno dei tanti esempi di come utilizzo gli accorgimenti di costruzione di artificiali ideati in precedenza, per realizzarne di nuovi. Per ottenerla, mi sono servito dell’accorgimento con cui si liberano le barbe di una hackle, recidendo progressivamente la sua rachide, e del concetto di costruzione della Mirage 3.

Page 231: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Il Jolly Mi rendo conto di ribadire con insistenza il concetto che a dare origine alle mie mosche sono le idee semplici, ma non posso farne a meno: è così che concepisco la costruzione delle mosche artificiali. Desidero proporvi un artificiale che definisco Jolly perché, sia pure in modo impressionistico, può imitare diversi generi di insetti. È molto semplice da costruire e, con una sola hackle, si ottiene l’intera imitazione.

Page 232: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Stiro lungo la rachide le barbe della hackle e la fisso sulla curva di un amo diritto a gambo corto.

Page 233: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Fisso la hackle in modo chela sua base superi di poco l’occhiello dell’amo.

Page 234: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Con il filo di montaggio, mi sposto nei pressi dell’occhiello dell’amo.

Page 235: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Fisso la base della hackle su un lato del gambo dell’amo.

Page 236: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Taglio l’eccedenza della hackle.

Page 237: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Porto avanti la punta della hackle, stirando le barbe in avanti, e la fisso sull’altro lato del gambo.

Page 238: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Fissaggio effettuato

Page 239: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Avvolgo la hackle intorno al gambo, la fisso accanto all’occhiello e ne taglio l’eccedenza.

Page 240: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Eseguo la testa della mosca.

Page 241: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Taglio le eccedenze delle barbe.

Page 242: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

La mosca è finita. Costruita su un amo a gambo corto, può ricordare un tricottero, costruita su un amo con gambo di misura standard, una effimera.

Page 243: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 244: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte
Page 245: Il cdc a modo mio di agostino roncallo   seconda parte

Copyrigth 2013 All rigths reserved. Testi e foto di Agostino Roncallo. Nessuna parte può essere utilizzata in qualunque forma, riprodotta o memorizzata senza autorizzazione scritta dell’Autore.


Recommended