Home >Leadership & Management >TEDx - 09.2014 (Roma) - L’ignoto come fonte di ispirazione profonda per i...

TEDx - 09.2014 (Roma) - L’ignoto come fonte di ispirazione profonda per i...

Date post:28-Nov-2014
Category:
View:412 times
Download:1 times
Share this document with a friend
Description:
Slide del mio TEDx Talk all'università di Tor Vergata a Roma il 27,09.2014 Ho parlato dell’ignoto come fonte di ispirazione profonda per i changemaker, di fenomenologia, di leadership orizzontale, di pattern ricorsivi nei sistemi organici Il video dell'intervento verrá pubblicato sul canale TEDx qui ho aggiunto il parlato in alcune slide di testo
Transcript:
  • 1. l'IN(0GNIl0 (OME FONE PROFONDA DI ISPIRAZIONE PERI (ANGHE MAKER ilAVllliABi/ llll TorVergataU
  • 2. ROMA - Zlllllllll TorVergataU
  • 3. Oggi vi porlero l mio obiettivo e uello di integrare dellignoto, del non li sforzi oli chi mi a preceduto nella CVSCU. del "On Cal elnizione dellniuzone proponendo un percorso Fenomenologia, basato sullesperienza al Fine di stimolare il mondo interiore oleliosservqtore e provare cosi o migliorare lo suo capacita oli intuire U IJW
  • 4. Se Facciamo una ricerca per immagini della parola ignoto ci vengono restituite immagini sconForian e quasi iue i legate a un colore il nero H H lwll.
  • 5. Percle la percezione dellignoio e vissuta in questo modo ansioso?
  • 6. Forse perch dal punto di vista evolutivo, lincerlezza stata interiorizzata dalla nostra specie come un aspetto pericoloso, una discontinuila con il presente con il luogo nel quale ci Troviamo
  • 7. Eppure il viaggio che ci porta alla scoperta del nuovo non pua non iniziare in queslo spazio sconosciuto
  • 8. L'importanza deliabbandono della casa e del via io alla scoperta ala se delle storie con le quali educhiamo da sempre i nostri bambini, ovunque nel mondo Poi cosa succede perch ci dimentichiamo oliquesto? Cali to Adventure! e / (E rnatural aid Rerum Threshold Guardian KNOWN UNKNOWN Threshold I Atonement s Joumey g! Mentor gEVELATlON o Transformation Abyss deaih & rebirth K-Templation
  • 9. Per ridare alle nostre coscienze la Forza di addentrarsi nello spazio ignoto e pensare in modo nuovo necessario int%rare il modello di pensiero scientico-analitico che tanto ci ha dato negli ultimi cento anni
  • 10. Quando leggiamo le teorie degli studiosi che sono parte del nostro programma di Formazione universitaria o vediamo un prodotto che stato portato sul mercato da un gruppo di persone - siamo soliti concentrarci sugli aspetti sensibili, su peso, colore, Forma, odore, oppure sul costrutto logico per i concetti, dimenticandoci che quel prodotto o concetto stato generato dal pensiero intuitivo di una o piu' persone prima che esistesse
  • 11. Il processo del pensiero intuitivo ha una sua Forma che va inda ata percorrendola lungo il suo asse temporae, dinamicamente, in modo vitale Questo percorso puo anche essere rappresentato in alcuni casi da una immagine che non mai la stessa. Con un po di allenamento e volonta possiamo intuire questa Forma, questo percorso
  • 12. Rimettiamo dunque ordine su quello che viene prima e quello che viene dopo: dobbiamo tenere ben C? mente che prima arrivato il moto creatore intuitivo, dopo uello che vediamo con i nostri occ i o capiamo grazie al nostro cervello
  • 13. Il pensiero intuitivo non rappresenta una Formalizzazione delle cose che pre-esistono, ma il loro contenuto vero proprio in quanto il contenuto intuitivo originario ha dato loro vital
  • 14. Se guardiamo la realta intorno a noi come qualcosa di oggettivo distaccato dal pensiero intuitivo che lha creata non disciplineremo il nostro pensiero ad indagare quel momento antecedente alla realta visibile quello cio dove Patto della creazione ha avuto luogo. Solo qui Faremo esperienza di connessione proFonda e ne saremo vitalizzati.
  • 15. Se guardiamo una matita e andiamo a ritroso cercando di capire come essa stata pensata. allora alleneremo il nostro pensiero, dobbiamo pero meaditare su essa. Il pensiero cosi allenato sara maggiormente incline allintuizione Futura, a creare il nuovo, a Farlo emergere
  • 16. Esplorare a ritroso i momenti ignoti dellintuizione creativa passata ci prepara al balzo in avanti negli ignoti che ci attendono dove la nostra coscienza puo creare la realta emergente in un atto di darsi reciproco di contenuto del mondo e coscienza umana
  • 17. TH ERE ARE KNOWN KNOWNS THERE ARE THINGS THAT WE KNOW THAT WE KNOW THERE ARE KNOWN UNKNOWNS THAT IS TO SAY, THERE ARE THINGS THAT WE NOW KNOW WE DON'T KNOW EEEEEEEEEEE ALSO UNKNOWN UNKNOWNS EEEEEEEEEE INGS WE DO NOT KNOW WE DON'T KNOW AND EACH YEAR DISCOVER A FEW MORE THOSE UNKNOWN UNKNOWNS Oli/ lilli SONO il [OSI [Hl NON EONOSUAMO?
  • 18. La conoscenza isolata ottenuta da un gruppo di specialisti in un campo ristretto non ha di per s valore di alcun genere E. Schrdinger La totalita la non-verita T. Adorno OUE PUNTI ESTREMI - TOIAITIA E RIDUZIONISMO
  • 19. Il pensiero intuitivo non racconta mai pensieri pensati da altri ma li metamorFosa li rende vivi e singolari. Eppure la capacita lineare di memorizzare e raccontare pensieri di altri alla base di molte roFessioni, anche educative ortunatamente stiamo aFFidando sempre piu ai calcolatori queste capacita, e contemporaneamente appare sempre piu' evidente che l'essere umano chiamato alla visione allintuizione
  • 20. Un allenamento al pensiero intuitivo puo' arrivare dall'osservazione roFonda dei _ _ _ _ _ p processi viventi organici- Per Fare questo possiamo prendere elementi della natura come ad esempio la metamorFosi di una pianta, o la Forma di una conchiglia nelle diverse Fasi del suo ciclo di vita ed interiorizzarle veramente
  • 21. FAEEIAMO UN PO' DI RISEAIDAMENTO ' (OSA VEDETE Il QUESTA IMMAGINEI 21.
  • 22. il 1,1, I I ii -'. I i i; l| ., i' i il . l . ' Vi presento Gioqgio, lui ama andare a a - ricerca di scheletri di ricci di mare
  • 23. EEXtFdIBeJIia e tjhella sua S, T , al . ;ix; -
  • 24. IO SEHEIETRO DEI RIEEIO DI MAllE HA ISPIllAiO. _.MOl-iI: :; """""
  • 25. 056 4 gl-Ob 00. 0o 6 Q0 '000 "Kit ci
  • 26. Ora guardate bene questo "g " . , . I 1,4,. .. riccio e quando siete! l'immagine . 4 e disegnate il riccio su un Foglio
  • 27. H: 5A . 41/! c l EONERONTATE Il VOSTRO DISEGNO (ON lA PERSONA AEEIANIO E DAiEl/ .,I_llN, .EE-EDBAEKn- a. .,
  • 28. FQTT " . , 3:. . . - . - _'. -I, '. ". _' ; _ esperienza di , ,.; ':jf'_ ; , '-, - . - - , - "'11: ruu. " Visi: J "4 una im
Embed Size (px)
Recommended