Home >Documents >Uomini contro Algoritmi - irlug.it · PDF fileracchiudendola in una previsione statistica che...

Uomini contro Algoritmi - irlug.it · PDF fileracchiudendola in una previsione statistica che...

Date post:14-Feb-2019
Category:
View:212 times
Download:0 times
Share this document with a friend
Transcript:

UOMINI CONTRO ALGORITMI

Luigi Catuogno hcsslug Salerno

La dittatura dellalgoritmo lultimo rifugio di un certotipo di persone, per lo pi maschi intellettuali con il cuore a forma digranchio e gli occhi a forma di dollaro, che non riuscendo pi asentire niente si illudono di domare le loro insicurezze con una seriedi algide formulette attinte dalla marea di dati personali che le nuovetecnologie mettono a disposizione. Ormai esiste un algoritmo pertutto: il giornale perfetto, il pranzo perfetto, il delitto perfetto. Questiaridi manichini del sapere moderno pensano di controllare la realtracchiudendola in una previsione statistica che consenta di anticiparei comportamenti umani per offrirli in pasto ai pubblicitari.

Massimo Gramellini, Abbasso gli algoritmi, La Stampa, 6 novembre 2013

Con linfinita variet degli algoritmi che servono oggi perselezionare lingresso nelle scuole o nelle universit, per incriminare presunticolpevoli, per assumere o licenziare nelle aziende, o semplicemente persorvegliare i nostri movimenti, si sacrifica spesso lequit per lefficienza,lattendibilit del giudizio per la funzionalit dellapparato.

Paolo Zellini, La dittatura del calcolo (2018), Adelphi, Milano

Che cos un algoritmo

Lal

gori

tmo

at

trib

uit

oa

Eucl

ide,

che

lod

escr

isse

neg

liEl

emen

tin

el3

00

a.C

.ca.

(ma

po

treb

be

ave

reo

rig

inia

nco

rap

ia

nti

che)

.

MCD(a,b)

se b=0

restituisci a;

altrimenti

restituisci MCD(b,a modulo b);

LAlgoritmo di Euclide

Un algoritmo un insieme finito di regoleche d una sequenza di operazioni perrisolvere uno specifico tipo di problema.

Finitezza:Un algoritmodeve sempreterminare inun numerofinito di passi

Determinatezza: Ciascun passo dellalgoritmo deve essere definitocon precisione. Lazione da compiere deve essere specificata in manierarigorosa e non ambigua, per ogni possibile caso.

un algoritmo produce un output costituito da quantit che hanno una precisa relazione con quelle date in input

Effettivit: Tutte le operazione da compiere nellalgoritmo devono essere sufficientemente elementari da poter essere, in linea di principio, effettuate esattamente a in un tempo finito

Donald E. Knuth, The Art of Computer Programming, 1969

da una persona che utilizza carta e penna.

Cio senza bisogno di pensare

Per le persone che seguono le regole di un algoritmo, queste devono essere formulate cos che possano essere eseguite alla maniera dei robot

Le istruzioni devono essere eseguite da qualcuno che sa come farlo. In caso contrario,ulteriori istruzioni devono essere fornite per effettuare i passi per cui lesecutore non istruito.

Harold S. Stone, Introduction to Computer Organization and Data Structures (1972), McGraw-Hill

Per le persone che seguono le regole di un algoritmo, queste devono essere formulate cos che possano essere eseguite alla maniera dei robot

Harold S. Stone, Introduction to Computer Organization and Data Structures (1972), McGraw-Hill

Non tutte le istruzionisono accettabili

Poich esse potrebberorichiedere che il robotabbia abilit che

vanno oltre quelleche consideriamoragionevoli

Chi di noi non sarebbe felice disollevare il velo dietro cui sinasconde il futuro; di gettareuno sguardo ai prossimi sviluppi dellanostra scienza e ai segreti del suosviluppo nei secoli a venire? Qualisaranno le mete verso cui tender lospirito delle future generazioni dimatematici? Quali metodi, quali fattinuovi schiuder il nuovo secolo nelvasto e ricco campo del pensieromatematico?

David Hilbert (1862-1943)

Nellagosto del 1900, David Hilbert lancia la sua sfida al secolo formulando ventitr problemi di logica matematica la cuisoluzione avrebbe spalancato le porte del futuro. La dimostrazione della celebre ipotesi di Riemann era tra questi.

E sempre possibile dimostrare teoremi riconducendoli in maniera meccanica a uninsieme di assiomi dati, utilizzando gli strumenti della logica del primo ordine?

(Il problema della decisione) formulato nel 1928 da David Hilbert (1862-1943)

Alan Turing (1912-1954) introduce la sua macchina nel 1936.

La Macchina di Turing un modello astratto in cui il calcolo scomposto nei suoi componenti elementari: unarea di memoria infinita rappresentata da un nastro lungo il quale una unit di controllo pu scorrere un passo alla volta, leggendo e scrivendo caratteri di un alfabeto, in funzione del suo stato.

Utilizzando il suo formalismo, Turing dimostra che ilproblema di decisione non risolvibile.

Linfluenza del lavoro di Turing nella nascente Informatica vastissima

La definizione di una classe di problemi Turing-

calcolabilidei quali possibile scomporre

il calcolo in componenti elementari

La possibilit di costruire un dispositivo in grado di effettuare il calcolo mediante una opportuna sequenza di tali componenti.

Il concetto di effettivit continua a sfuggire poich peresso si rimanda alle caratteristiche sottintese di un altro modello di calcolo!

Il robot con capacit ragionevoli?

Luomo con carta e penna?

Algoritmi intelligenti?

Progettare algoritmi intelligenti overificare se il loro funzionamento intelligente cosa complicata.

Dovremmo avere una definizione formale di intelligenzae un algoritmo in grado di verificare in manieraoggettiva se un comportamento o meno intelligente.

Ci equivale achiedersi selintelligenza decidibile!

non abbiamo neppure una veradefinizione condivisa di intelligenza...

Il celebre Test di Turing suggerisce un metodo

Tuttavia Iasticella del test di Turing, non fa che spostarsi in avanti

Deep Blue (IBM, 1996)

Eliza (Joseph Weizenbaum, 1966)

Quello che si fa progettare algoritmi che imitano alcuni aspetti dellintelligenza

Riconoscere e classificare oggetti

Imparare dai dati

Modificare i comportamentiin base alla percezionedellambiente circostante.

Reti neurali (threshold logic)

McCulloch & Pitts (1943)PERCETTRONI

rosenblatt (1958)

Support vectormachines

(linear classifier)Vapnik & Chervonenkis (1962)

Classificatori Bayesiani

(1950)

Machine Learning (A. Samuel, 1959)Studio di algoritmi in grado dieffettuare previsioni su unfenomeno in base allo studio deidati in esso prodotti.

Gli algoritmi auto apprendentiprendono decisioni in base a unmodello di previsione costruitoanalizzando dati campione

Lanalisi di nuovi datipermettono di arricchire ilmodello e raffinare i processi diprevisione.

Lanalisi si avvale di strumentistatistici. La capacit di modellizzarefenomeni molto complessi dipende dallaquantit di dati a disposizione.

Non c alcun cambio diparadigma. Gli algoritmidi Machine Learningsono algoritmi in sensoclassico.

Resta valido il requisito di Effettivit: Tutte le operazione da compiere nellalgoritmo devono essere sufficientemente elementari da poter essere, in linea di principio, effettuate esattamente a in un tempo finito

da una persona che utilizza carta e penna.

Il punto, semmai, e la possibilitdi gestire, in pratica, la mole didati coinvolti

Il comportamento degli algoritmi resta confinato nel perimetro del modello statistico che lo ha determinato.

In definitiva, se ben progettato, un algoritmo non pu operare arbitrariamente o malgrado i dati raccolti, in virt conoscenze extra o intuizioni, che non scaturiscano da alcun input.

In CONCLUSIONE

Algoritmo diventato ormai sinonimo di controllosociale. ... Con la loro potenza di calcolo, e la loro apparente neutralit,questi numeri magici si presentano al nostro senso comune come i passe-partout per aprire ogni porta della nostra vita.

Ma chi detiene davvero le chiavi degli algoritmi? Sono dispositivi neutri einviolabili? O non sono invece espressione di una strategia di orientamento egoverno sociale sempre pi strettamente controllata dai loro proprietari?

Mic

hel

e M

ezza

,

Alg

ori

tmi d

i Lib

ert

-La

po

ten

za d

el c

alco

lo t

ra d

om

inio

e

con

flit

to

(2

01

8)

Do

nze

lli E

dit

ore

, Ro

ma

(Sch

eda

di p

rese

nta

zio

ne)

Michele Mezza, Algoritmi di Libert - La potenza del calcolo tra dominio e conflitto (2018) Donzelli Editore, Roma (Scheda di presentazione)

Non tanto il consumo, quanto proprio il cervello la posta in gioco

Qui, lautore sostiene limportanzache la scienza matematica debbaessere oggetto di un nuovo contrattosociale tra gli utenti e i grandi playersglobali.

La posta di questo processo,, una nuova idea dilibert, in cui la potenza di unindividuo sta nel passare dacalcolato a calcolante.

Gli algoritmi non sonoentit autonome che operanoal di fuori del nostrocontrollo, n hanno essi, inquanto tali, il controllo.

Gli algoritmi sono un modo didescrivere un procedimentoche anche un uomo pu seguire.I programmi che implementanogli algoritmi sono soltantostrumenti.

Limpegno va profuso nelpretendere trasparenzasul progetto e lutilizzodegli algoritmi quandoquesti hanno un impattosulla vita delle persone

Impropriamente (o

Click here to load reader

Reader Image
Embed Size (px)
Recommended